Differenze tra le versioni di "La grande svolta"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 mese fa
m
nessun oggetto della modifica
m
 
Le armate tedesche minacciano [[Stalingrado]] e i comandanti sovietici sono ancora incerti sulle decisioni da prendere: alcuni sostengono la necessità di difendere la città ad oltranza, riversando ogni risorsa nella lotta; altri propongono di abbandonarla a se stessa. [[Stalin]] vorrebbe la difesa ad oltranza ma senza impegnarvi le riserve, che devono essere invece destinate a controllare lo schieramento nemico.
 
I tedeschi si incuneano in una sacca pericolosa. Il generale Murav'ëv segue il volere di Stalin, ma deve lottare con Krivenko, che vorrebbe agire d'impeto; quando la morte della moglie lo spinge alla rappresaglia, fa forza a se stesso. Fra crisi di coscienza, atti disperati, resistenze eroiche, le truppe sovietiche si rinforzano. Grazie alla cattura di un guastatore tedesco, il comando sovietico viene a conoscenza dell'ora del grande attacco nazista. I bolscevichi riescono quindi ad anticipare l'azione prendendo di sorpresa il nemico e la trappola funziona come previsto: i tedeschi, in mancanza di un secondo fronte, sono costretti ad arrendersi e per le sorti della guerra arriva "la grande svolta"<ref>{{Cita libro|titolo=Segnalazioni cinematografiche|editore=Centro Cattolico Cinematografico|città = Roma|anno = 1953|volume = XXXIII|p = 2324}}</ref>.
 
== Critica ==
11 183

contributi