Differenze tra le versioni di "Innico I d'Avalos"

→‎Famiglia e titoli: lievi modifiche
(→‎Biografia: lievi modifiche)
(→‎Famiglia e titoli: lievi modifiche)
 
== Famiglia e titoli ==
Innico il secondo figlio maschio di [[Ruy López Dávalos]] e della terza moglie di questi, [[Costanza de Tovar]]. Ebbe altri due fratelli, Alfonso (morto nel 1470) e Rodrigo. Costanza (o Constanza) era la figlia primogenita di Sancho Fernández de Tovar, ''guarda mayor del rey'' e signore di Caracena e Cevico de la Torre (figlio a sua volta dell'''adelantado mayor de Castilla'' Fernando Sánchez de Tovar e della sua consorte Isabel de Padilla) e di Teresa de Toledo. Dal lato materno, Innico d'Avalos era il fratellastro di Innico, Alfonso e Fernando de Guevara (nati dal precedente matrimonio della madre con Pedro Vélez de Guevara, signore di Guevara e Oñate), i quali avevano anch'essi accompagnato Alfonso il Magnanimo in Italia nel 1432.
Fu il secondo figlio maschio di [[Ruy López Dávalos]] e della sua terza moglie [[Costanza de Tovar]]. Prima di cadere in disgrazia come sostenitore della parte perdente nelle contese dinastiche durante il regno di [[Giovanni II di Castiglia]] ([[1406]]-[[1454]]), cioè la famiglia reale del [[Regno di Aragona]], il padre di Innico fu [[Connestabile di Castiglia]].
 
Innico d'Avalos assunse la carica di Gran Camerlengo del [[Regno di Napoli]] nel [[1449]], a seguito della morte del titolare in carica, [[Francesco II d'Aquino]] e fu oggetto di una medaglia celebrativa di [[Pisanello]]. Nel [[1452]], sposò la nipote di Francesco, [[Antonella d'Aquino]], grazie ad accordi intervenuti con il re Alfonso medesimo.
 
Dalla moglie, ottenne i feudi e i titoli di marchese di [[Pescara]] (terzo della serie creata dalla dinastia aragonese e primo della famiglia d'Avalos), conte di [[Loreto Aprutino|Loreto]] e di [[Satriano]]. Ottenne nel [[1452]] la contea di [[Monteodorisio]].
 
Da Antonella, ultima discendente del ramo dei conti di Loreto dei [[D'Aquino (famiglia)|D'Aquino]], ebbe numerosi figli, dei quali sette raggiunsero l'età adulta<ref>Soler Salcedo, p. 582</ref>:
 
* '''Martino''' (?-1484);
* '''[[Costanza d'Avalos]]''' ([[1460]]-[[1541]]), sposò [[Federico del Balzo]];
* '''[[Alfonso II d'Avalos]]''' ([[1465]]-[[1495]]), dal [[1484]] quinto marchese di [[Pescara]] e secondo della famiglia d'Avalos, sposò [[Diana de Cardona]];
* '''[[Ippolita d'Avalos]]''' (?-?), sposò [[Carlo d'Aragona]];
* '''[[Innico II d'Avalos]]''' ([[1467]]-1504), primo marchese del [[Vasto]], sposò [[Laura da Sanseverino]];
* '''[[Rodrigo d'Avalos]]''' (?-Isola, [[1496]]), conte di [[Monteodorisio]];
* '''[[Beatrice d'Avalos]]''' (?-?), sposò [[Gian Giacomo Trivulzio|Giangiacomo Trivulzio]] marchese di [[Vigevano]].
 
Inigo e la sua famiglia sono sepolti nella cappella gentilizia della [[chiesa di Sant'Anna dei Lombardi]] a [[Napoli]].
8 110

contributi