Differenze tra le versioni di "Giovanni del Palatinato-Neumarkt"

(Nuova pagina: {{Monarca |nome = Giovanni |immagine = Johann von Pfalz-Neumarkt.jpg |legenda = Ritratto del conte palatino Giovanni di Wittelsbach |stemma = |titolo = Palatin...)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica da mobile avanzata
 
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica da mobile avanzata
== Biografia ==
 
Giovanni, il secondo figlio del re [[Roberto del Palatinato]] e di sua moglie [[Elisabetta di Norimberga]], divenne governatore dell'Alto Palatinato nel 1404. Come governatore, Giovanni intraprese una guerra contro la [[Regno di Boemia|Boemia]], nella quale rapì il re [[Venceslao di Lussemburgo|Venceslao]] ([[1405]]). Dopo la morte di suo padre nel [[1410]], il Palatinato elettorale fu diviso tra i suoi quattro figli. Giovanni ottenne alcune parti dell'odierno Alto Palatinato, scegliendo [[Neumarkt in der Oberpfalz|Neumarkt]] come sua nuova residenza, dove costruì un castello e delle chiese. Il trasferimento della sua corte a Neumarkt portò in città un periodo di grande crescita culturale, economica ed edilizia.
Egli era il secondo figlio. Alla morte del padre ricevette in [[appannaggio]] la contea del Palatinato-Neumarkt, dando vita all'omonimo ramo cadetto dei Wittelsbach.
 
Giovanni, il secondo figlio del re [[Roberto del Palatinato]] e di sua moglie [[Elisabetta di Norimberga]], divenne governatore dell'Alto Palatinato nel 1404. Come governatore, Giovanni intraprese una guerra contro la [[Regno di Boemia|Boemia]], nella quale rapì il re [[Venceslao di Lussemburgo|Venceslao]] ([[1405]]). Dopo la morte di suo padre nel [[1410]], il Palatinato elettorale fu diviso tra i suoi quattro figli. Giovanni ottenne alcune parti dell'odierno Alto Palatinato, scegliendo [[Neumarkt in der Oberpfalz|Neumarkt]] come sua nuova residenza, dove costruì un castello e delle chiese. Il trasferimento della sua corte a Neumarkt portò in città un periodo di grande crescita culturale, economica ed edilizia.
 
Dopo la morte del fratello [[Ludovico III del Palatinato|Ludovico III]] († [[1436]]) riuscì a respingere le pretese del fratello minore Ottone, che aveva ricevuto la tutela sull'ancor minorenne [[Ludovico IV del Palatinato|Ludovico IV]]. Di conseguenza, dal [[1437]] al [[1442]] regno ''de facto'' sull'intero Alto Palatinato, ma dovette rinunciare nuovamente a queste parti dopo che Ludovico IV divenne maggiorenne.
 
Grazie alle relazioni con gli [[Hohenzollern]] di [[Norimberga]] e [[Ansbach]], riuscì a diventare membro del Consiglio reale [[Unione di Kalmar|danese]]. In seguito suo figlio [[Cristoforo di Baviera|Cristoforo]], nel [[1440]], ereditò la Corona di Danimarca, Svezie e Norvegia da suo zio materno [[Eric di Pomerania]].
Il 14 marzo [[1443]] Giovanni morì nel castello di Kastl. Fu sepolto a [[Neunburg vorm Wald]].
 
== Matrimoni e discendenza==