Differenze tra le versioni di "Utente:Amarvudol/GenocidioStoria"

nessun oggetto della modifica
Nell'ambito della distinzione fra il concetto di guerra (bilaterale - si riconoscono due entità combattenti) e quello di genocidio (unilaterale - si distinguono per loro natura un aggressore e una vittima), le guerre coloniali sono fortemente sbilanciate a favore degli aggressori, soprattutto per il numero di vittime (il 90% sono indigeni), a causa della notevole disparità tecnologica. Esempi sono le guerre di conquista a Giava (dal 1825 al 1830 gli olandesi fanno 200.000 vittime), in Mozambico (i portoghesi uccidono 100.000 persone) o in Africa Orientale (i tedeschi fanno 145.000 morti).
 
===Persecuzioni nei confronti degli armeni===
====Massacri hamidiani====
La persecuzione ottonama nei confronti degli [[armeni]] e delle popolazioni cristiane all'interno dell'Impero furono una costante in tutta la storia. Il [[genocidio armeno]] propriamente detto, fua preceduto,cui quandoci insi Turchiariferisce eraper ancorai alfatti potereaccaduti l'Imperotra ottomanoil 1915 e il 1916, fu preceduto da una lunga serie di persecuzioni neiavvenute confornti degli armeni. In seguito alladopo [[Guerra russo-turca (1877-1878)|guerra russo-turca del 1877-1878]], sotto il governo del [[sultano]] [[Abdul Hamid II]], quando gli abitanti armeni di alcune zone, in particolare in [[Anatolia]], si erano sollevati contro l'Impero ormai in declino. La repressione per soffocare la dissidenza fu brutale. Simili eccidi erano già avvenuti nel corso della storia contro il popolo armeno sotto l'Impero ottomano, ma in questa occasione la notizia dei massacri si diffuse velocemente in tutto il mondo, causando espressioni di condanna da parte di molti governi.
[[File:1895erzurum-victims.jpg|thumb|Vittime dei massacri di armeni a Erzerum il 30 ottobre 1895]]
Gli eccidi continuarono fino 1897 anno in cui il Sultano dichiarò chiusa e risolta la [[questione armena]]. Tutti i rivoluzionari armeni vennero uccisi o dovettero fuggire in Russia. Il governo chiuse tutte le associazioni e le società armene, attuò un giro di vite sui movimenti politici e inizio anche la [[confisca di beni armeni in Turchia|confisca dei beni degli armeni]], che sarebbe proseguita nel secolo successivo. La stima delle vittime durante la repressione varia da 80 a 250 mila morti a seconda delle fonti.
 
La notizia dei massacri fu ampiamente riportata in Europa e negli Stati Uniti, provocando forti reazioni da parte dei governi stranieri e delle organizzazioni umanitarie. Il Sultano fu quindi costretto ad accettare l'intervento di una commissione mista composta da membri turchi e europei, con rappresentanti della [[Terza Repubblica francese|Francia]], dell'[[Impero russo]] e di quello [[Impero britannico|britannico]]), il cui lavoro fu però ostacolato da tattiche diplomatiche, rivelandosi inutile ad accertare la verità sulle stragi.<ref name="sciarretta">{{cita web|url=http://www.padus-araxes.com/rassegna/RAI-def/RAI-ISSN/RAI-2012.pdf|titolo=Attilio Monaco (1858-1932). Un console italiano a Erzerum durante i massacri hamidiani|autore=Massimo Sciarretta|formato=pdf|pagine=11-21|pubblicazione=Rassegna Armenisti Italiani|anno=2012|numero=XIII|editore=Padus-Araxes|urlmorto=sì}}</ref>
 
====Genocidio armeno====
Le deportazioni e le uccisione di massa, perpetrate dall'[[Impero ottomano]] nel suo territorio ai danni della minoranza [[armeni|armena]], in maggioranza [[cristianesimo|cristiana]] tra il 1915 e il 1916, evento per molto tempo definito "l'olocausto dimenticato", causarono circa 1,5 milioni di morti secondo le stime più condivise.<ref name=AGM>{{cita web|titolo=Tsitsernakaberd Memorial Complex|url=http://www.genocide-museum.am/eng/Description_and_history.php |editore=Armenian Genocide Museum-Institute|lingua=en|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20201105143214/http://genocide-museum.am/eng/Description_and_history.php|dataarchivio=15 novembre 2020|urlmorto=no}}</ref><ref name=Kifner>{{cita news|cognome=Kifner|nome=John|titolo=Armenian Genocide of 1915. An Overview|url= http://www.nytimes.com/ref/timestopics/topics_armeniangenocide.html |pubblicazione= The New York Times|lingua=en|data=7 dicembre 2007|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20210107230439/https://archive.nytimes.com/www.nytimes.com/ref/timestopics/topics_armeniangenocide.html|dataarchivio=7 gennaio 2021|urlmorto=no}}</ref><ref name=DailyMail>{{cita news|titolo=The forgotten Holocaust: The Armenian massacre that inspired Hitler|url= https://www.dailymail.co.uk/news/article-479143/The-forgotten-Holocaust-The-Armenian-massacre-inspired-Hitler.html|pubblicazione=The Daily Mail|data=11 ottobre 2007|lingua=en|accesso=8 gennaio 2020|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20201207013935/https://www.dailymail.co.uk/news/article-479143/The-forgotten-Holocaust-The-Armenian-massacre-inspired-Hitler.html|dataarchivio=7 dicembre 2020|urlmorto=no}}</ref>
 
All'inizio degli [[anni 1920|anni venti]] del [[XX secolo]] vi furono i primi tentativi di organizzare tribunali penali internazionali per perseguire crimini di guerra e contro l'umanità commessi nel corso del [[prima guerra mondiale|primo conflitto mondiale]]. In particolare il [[trattato di Sèvres|trattato di pace di Sèvres]], firmato tra le nazioni vincitrici e l'Impero ottomano il 10 agosto [[1920]], obbligava i turchi a consegnare alle [[Alleati della prima guerra mondiale|potenze alleate]] «le persone la cui resa può essere richiesta da queste ultime in quanto responsabili dei massacri commessi durante la continuazione dello stato di guerra sul territorio che faceva parte dell'Impero turco il 1° agosto 1914.» I responsabili dei massacri avrebbero dovuto essere processati da appositi tribunali istituiti dagli Alleati, salvo che nel frattempo la [[Società delle Nazioni]] non avesse creato un tribunale competente a giudicarli.<ref name=Sevres>{{cita web|titolo=The Treaty of Peace Between the Allied and Associated Powers and Turkey Signed at Sèvres, August 10, 1920|posizione=Part VII, article 230|data=10 agosto 1920|sito=Hellenic Resources Network|editore=HRI|url=http://www.hri.org/docs/sevres/part7.html|lingue=en|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20201127224502/http://www.hri.org/docs/sevres/part7.html|dataarchivio=27 novembre 2020|urlmorto=no}}</ref> Il trattato non entrò mai in vigore perché non riconosciuto dal nuovo governo guidato da [[Mustafa Kemal Atatürk]] che prese il posto di quello ottomano al termine della [[Guerra d'indipendenza turca]] che ridefinì i confini e lo ''status'' della moderna [[Turchia]] come repubblica. Ciò costrinse le potenze alleate a tornare al tavolo dei negoziati e alla sottoscrizione di un nuovo trattato di pace. Il [[Trattato di Losanna (1923)|Trattato di Losanna]], firmato il 24 luglio 1923, annullava il trattato di Sèvres, stipulato peraltro con il non più esistente Impero ottomano, e non impegnava più la nuova Turchia sul tema della consegna dei responsabili dei massacri.<ref name=Mancini>{{cita web|autore=Marina Mancini|titolo=Genocidio armeno. Sotto la lente del diritto internazionale|sito=Affari internazionali|data=23 aprile 2015|editore=Istituto affari internazionali|url=https://www.affarinternazionali.it/2015/04/sotto-la-lente-del-diritto-internazionale/|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170824173048/http://www.affarinternazionali.it/2015/04/sotto-la-lente-del-diritto-internazionale/|dataarchivio=24 agosto 2017|urlmorto=no}}</ref><ref name=Losanna>{{cita web|titolo=Treaty of Peace with Turkey Signed at Lausanne, July 24, 1923|data=24 luglio 1923|sito=The World War I Document Archive|url=https://wwi.lib.byu.edu/index.php/Treaty_of_Lausanne|lingua=en|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20201208172542/https://wwi.lib.byu.edu/index.php/Treaty_of_Lausanne|dataarchivio=8 dicembre 2020|urlmorto=yes}}</ref>
La mancata applicazione del tratto di Sèvres vanificò l'ipotesi di ricorrere al giudizio di un tribunale penale sovranazionale per lo sterminio del popolo armeno e rappresentò un fallimento della Società delle Nazioni.<ref name=Leotta35>{{cita|Leotta|p. 35}}</ref> La questione rimase irrisolta e dimenticata per decenni fino agli anni settanta quando, in seguito alla invasione turca di [[Cipro]], la comunità internazionale, a partire dagli [[Stati Uniti]], iniziò ad utilizzare la questione armena come mezzo di pressione politica nei confronti del governo di Ankara richiamandolo alle sue eventuali responsabilità per quello che iniziava a essere definito come "[[genocidio armeno]]".<ref name=Mancini/>
 
Il primo paese a riconoscere come genocidio il massacro degli armeni fu l'[[Uruguay]] nel 1965 a cui seguirono molti altri stati, soprattutto europei e sudamericani, fino ad un primo riconoscimento da parte del [[Parlamento europeo]] con una risoluzione del 18 giugno 1987.<ref name=GUUE1987>{{cita web|autore=Parlamento europeo|titolo=Risoluzione su una soluzione politica del problema armeno|pubblicazione=Gazzetta ufficiale delle Comunità europee|data=20 luglio 1987|numero=C 190|p=119|formato=pdf|url=https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=OJ:C:1987:190:FULL&from=IT|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20210107165346/https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=OJ%3AC%3A1987%3A190%3AFULL&from=IT|dataarchivio=8 gennaio 2021|urlmorto=no}}</ref> Nel 2015, in occasione del centesimo anniversario, il Parlamento europeo confermò con un'altra risoluzione il riconoscimento del genocidio armeno esortando la Turchia «a fare i conti con il proprio passato».<ref name=GUUE2015>{{cita web|autore=Parlamento europeo|titolo=Risoluzione sul centenario del genocidio armeno
|pubblicazione=Gazzetta ufficiale dell'Unione europea|data=23 settembre 2015|numero=C 315|p=23|formato=pdf|url=https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22015P0923(05)&from=SL|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20210107171159/https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX%3A22015P0923%2805%29&from=SL|dataarchivio=8 gennaio 2021|urlmorto=no}}</ref>
Il problema armeno e il suo mancato riconoscimento da parte del governo turco come genocidio è sempre stato uno degli elementi di maggior frizione tra Ankara e gli altri paesi. In particolare la procedura per un eventuale ingresso della Turchia nell'Unione europea è stata frenata fino a rendersi impossibile proprio in virtù della mancata assunzione di responsabilità da parte delle autorità turche. In Italia in genocidio armeno è stato riconosciuto con una risoluzione della [[Camera dei deputati (Italia)|Camera dei deputati]] del 17 novembre 2000. In Francia il negazionismo sul genocidio armeno, insieme a quello degli ebrei, è addirittura considerato reato e punibile col carcere.<ref name=LeggeFR>{{cita news|titolo=Francia e Turchia litigano sul genocidio degli armeni|pubblicazione=Il Post|data=22 dicembre 2011|url=https://www.ilpost.it/2011/12/22/francia-e-turchia-litigano-sul-genocidio-degli-armeni/|accesso=8 gennaio 2021|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131016004335/https://www.ilpost.it/2011/12/22/francia-e-turchia-litigano-sul-genocidio-degli-armeni/|dataarchivio=16 ottobre 2013|urlmorto=no}}</ref>
 
Le [[Nazioni Unite]] non hanno mai riconosciuto esplicitamente il caso armeno come genocidio, ma in un documento della Sottocommissione per la prevenzione della discriminazione e la protezione delle minoranze del 2 luglio 1985, lo hanno affiancato ai grandi genocidi del XX secolo, paragonandolo all'Olocausto e definendolo come «massacro ottomano degli armeni nel 1915-1916».<ref name=SubComm/>
 
Il genocidio, che gli armeni chiamano ''Medz Yeghern'' ("grande crimine"), viene commemorato il 24 aprile, data in cui nel 1915 vennero eseguiti i primi arresti tra l'élite armena di [[Costantinopoli]] e a cui seguirono massicce deportazioni verso l'interno dell'Anatolia fino al massacro sistematico di una larga fetta della popolazione armena nei mesi successivi.<ref name=AGM/>