Beltane: differenze tra le versioni

29 byte aggiunti ,  1 anno fa
WPCleaner v2.04 - fix "References mancante" - "Errori comuni"
m (Bot: i simboli corretti degli ordinali sono º e ª)
(WPCleaner v2.04 - fix "References mancante" - "Errori comuni")
'''Beltane''' o '''Beltaine''' ([[Associazione fonetica internazionale|AFI]]: {{IPA|[ˈbɛl.teɪn]}}<ref>{{Cita web|url=http://dictionary.reference.com/browse/Beltane?s=t |titolo=Beltane |sito=Dictionary.com |accesso=1º maggio 2014}}</ref><ref>{{Cita web|url=http://www.merriam-webster.com/dictionary/beltane |titolo=Beltane |sito=Merriam-Webster Dictionary |accesso=1º maggio 2014}}</ref>), termini [[Lingua inglese|inglesi]] derivanti dall'[[lingua irlandese|irlandese]] ''Lá Bealtaine'' ([[Associazione fonetica internazionale|AFI]]: {{IPA|[l̪ˠaː ˈbʲal̪ˠt̪ˠənʲə]}}) o dallo [[Lingua gaelica scozzese|scozzese gaelico]] ''Là Bealltainn'' ([[Associazione fonetica internazionale|AFI]]: {{IPA|[l̪ˠaː ˈpjaul̪ˠt̪ɪɲ]}}), entrambi originati dall'irlandese antico '''Beletene''' (cioè "fuoco luminoso"), è un'antica festa pagana [[Lingue gaeliche|gaelica]] che si celebra tra l'[[equinozio]] di primavera ed il [[solstizio]] estivo, attorno cioè al [[1º maggio]].
 
"Bealtaine" infatti è anche il nome del mese di maggio in [[Lingua irlandese|irlandese]], oltre ad esser ritenuto tradizionalmente il giorno che segna l'inizio dell'estate in [[Irlanda]]. Presenta inoltre un parallelo con la [[Mitologia celtica#Festività celtiche|festività]] [[galles]]e del ''[[Calan Mai]]'' o ''Calan Haf'', che si celebra perlappuntoper l'appunto proprio il 1º maggio.
 
==Storia==
 
Ancora oggi esiste tra l'altro in molte culture contadine, come ad esempio in [[Piemonte]]. In alta [[Val Camonica]] ([[Provincia di Brescia|BS]]), la piccola comunità di [[Pontagna]], frazione del comune di [[Temù]], festeggia la notte tra il 15 ed il 16 di agosto (nella tradizione cristiana è la festa di Santa Giulia) con grandi fuochi accesi in alto sui monti, ben visibili da fondo valle. Anche in [[Valle d'Aosta]] si usa accendere dei falò sulle vette dei monti nella notte di San Pietro e Paolo tra il 29 ed il 30 giugno. Analogamente, anche nei paesi dell'[[Conca aquilana|Aquilano]] si usa accendere grandi fuochi la notte fra il 23 e il 24 giugno (San Giovanni), in particolare a [[Coppito]] anche la notte del 29 giugno san Pietro e Paolo. Nella [[Marsica]] ad [[Avezzano]] ([[Provincia dell'Aquila|AQ]]) la notte del 26 aprile è tradizione accendere i ''focaracci'', fuochi devozionali in onore della [[Madonna di Pietraquaria]], [[Patrono|patrona]] della città. A [[Sora (Italia)|Sora]] ([[Provincia di Frosinone|FR]]) nella notte tra il 23 e il 24 giugno si rinnova il rito del falò di [[Giovanni Battista|san Giovanni Battista]] sulle rive del fiume [[Liri]].
 
== Note ==
<references />
 
== Voci correlate ==