Differenze tra le versioni di "Camuni"

6 byte aggiunti ,  8 mesi fa
nessun oggetto della modifica
(gli errori)
|note =
}}
I '''Camuni''' erano un [[Popoli dell'Italia antica|popolo dell'Italia antica]] di [[Lingue preindoeuropee|lingua preindoeuropea]]<ref name=Marchesini2009>{{Cita libro|titolo =Le lingue frammentarie dell'Italia antica |autore =Simona Marchesini |wkautore = Simona Marchesini|curatore = |traduttore = |illustratore = |altri = |url = |via = |editore =Hoepli |città =Milano |anno =2009|lingua = Italiano|annooriginale = |volume = |opera = |edizione = |capitolo = |url_capitolo = |p = 60|pp = |posizione = |ISBN = |LCCN = |DOI = |OCLC = |id = |cid = |citazione = |accesso = |urlarchivio = |dataarchivio = |urlmorto = }}</ref> vissuti in [[Val Camonica]], dove si insediarono circa nel 8000 a.C. nell'attuale [[provincia di Brescia]] nelle [[Alpi centrali]], nell'[[età del ferro]];vennero vengono individuatichiamati anche con il nome [[Lingua latina|latino]] '''''Camunni''''', attribuito loro da autori del [[I secolo]], o come gli '''antichi Camuni''', per distinguerli dagli attuali abitanti della valleval Camonica. Fra i massimi produttori di arte rupestre in [[Europa]], il loro nome è legato alle celebri [[incisioni rupestri della Val Camonica]], che costituiscono - considerata la povertà di reperti archeologici come la necropoli, suppellettili o centri abitati - la principale testimonianza culturale di questo popolo.
 
I Camuni (Καμοῦνοι in [[Lingua greca|greco]], ''Camunni'' in [[Lingua latina|latino]]) sono ricordati dalle [[Fonte primaria|fonti storiografiche classiche]] a partire dal [[I secolo a.C.]]; l'epoca precedente, corrispondente in Val Camonica all'[[Età del ferro]] soprattutto dal vastissimo ''corpus'' costituito dalle centinaia di migliaia di incisioni rupestri, per cui sono diventati famosi. Sottomessi dai Romani all'inizio del [[I secolo]] d.C., i Camuni furono progressivamente inseriti nelle strutture politiche e sociali dell'[[Impero romano]]: pur conservando margini di autogoverno, fin dalla seconda metà del I secolo ottennero la [[cittadinanza romana]], subendo poi - come tutti i popoli della [[Gallia cisalpina]] - un rapido processo di latinizzazione sia linguistica, sia culturale, sia religiosa. Lasciarono oltre {{formatnum:300000}} incisioni rupestri, il primo sito nominato [[Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura|UNESCO]], nel 1979.
Utente anonimo