Differenze tra le versioni di "Sinfonia n. 9 (Beethoven)"

Annullata la modifica 118066971 di 134.90.226.248 (discussione) rb
(Annullata la modifica 118066971 di 134.90.226.248 (discussione) rb)
Etichetta: Annulla
Il tema del finale, riadattato da [[Herbert von Karajan]], è stato adottato nel [[1972]] come ''[[Inno europeo]]''. Nel [[2001]] spartito e testo sono stati dichiarati dall'[[Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura|UNESCO]] [[Memoria del mondo]] attribuita alla [[Germania]].
 
== Storia == a fess e mammeta
=== Composizione ===
La Società Filarmonica di Londra inizialmente commissionò la sinfonia nel 1817.<ref>Solomon, Maynard. ''Beethoven''. New York: Schirmer Books, 1997, p. 251.</ref> La principale opera di composizione fu compiuta tra l'autunno del 1823 e il febbraio 1824, data di completamento dell'autografo.<ref>[[Breitkopf & Härtel|Breitkopf]] [[Urtext edition|Urtext]], Beethoven: [http://www.breitkopf.com/feature/download/3738/3667 Symphonie Nr. 9 d-moll] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20120401012840/http://www.breitkopf.com/feature/download/3738/3667 |data=1º aprile 2012 }}, op. 125, pbl.: Hauschild, Peter, p. VIII</ref>
=== Edizioni ===
La prima edizione tedesca è stata stampata da [[Schott Music|B. Schott's Söhne]] (Mainz) nel 1826. L'edizione [[Breitkopf & Härtel]] risalente al 1864 è stata usata ampiamente dalle orchestre.<ref>{{Cita web|url=http://www.britac.ac.uk/pubs/review/02-99b/24-delmar.html|editore=British Academy Review|autore=Del Mar, Jonathan|wkautore=Jonathan Del Mar|data=luglio–dicembre 1999|titolo=Jonathan Del Mar, New Urtext Edition: Beethoven Symphonies 1–9|accesso=13 novembre 2007|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20071023113830/http://www.britac.ac.uk/pubs/review/02-99b/24-delmar.html|dataarchivio=23 ottobre 2007}}</ref> Nel 1997 [[Bärenreiter]] pubblicò un'edizione di [[Jonathan Del Mar]].<ref>{{Cita web|url=https://www.baerenreiter.com/html/lvb/index.html|titolo=Ludwig van Beethoven The Nine Symphonies The New Bärenreiter Urtext Edition|accesso=13 novembre 2007|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20071017101624/http://baerenreiter.com/html/lvb/index.html|dataarchivio=17 ottobre 2007}}</ref> Secondo Del Mar, questa edizione corregge quasi 3.000 errori contenuti nell'edizione Breitkopf, alcuni dei quali erano "notevoli".<ref name="Zander">{{Cita web|url=http://www.benjaminzander.com/recordings/boston-philharmonic/beet9/review/130|titolo=Beethoven 9 The fundamental reappraisal of a classic|autore=Zander, Benjamin|wkautore=Benjamin Zander|accesso=13 novembre 2007|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20120419181733/http://www.benjaminzander.com/recordings/boston-philharmonic/beet9/review/130#|dataarchivio=19 aprile 2012|urlmorto=sì}}</ref> David Levy tuttavia ha criticato questa edizione, dicendo che potrebbe creare tradizioni "molto probabilmente false".<ref>{{Cita web|url=http://bf.press.uiuc.edu/10.1/delmar.html|titolo=Concerning the Review of the Urtext Edition of Beethoven's Ninth Symphony|accesso=13 novembre 2007|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20070628061833/http://bf.press.uiuc.edu/10.1/delmar.html|dataarchivio=28 giugno 2007}}</ref> Breitkopf ha anche pubblicato una nuova edizione di Peter Hauschild nel 2005.<ref>{{Cita web|url=https://books.google.it/books?id=8JkyP5AHK5cC&pg=PA378&lpg=PA378&dq=B%C3%A4renreiter+david+levy&source=bl&ots=eeODlKwtdN&sig=nsPxhPnLdZr02LUk95QOblRsCbI&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiM1rWVstLJAhXKXhoKHUjxB-IQ6AEIJTAA#v=onepage&q=B%C3%A4renreiter%20david%20levy&f=false|titolo=Ludwig van Beethoven - The complete guide by wikipedians}}</ref>
 
 
== Struttura ==