Differenze tra le versioni di "Adalardo il Siniscalco"

Aggiunta frase con nota
(Dinastia)
(Aggiunta frase con nota)
 
== Origine ==
Secondo la ''[[Vita Hludowici Imperatoris]]''<ref name=Astronomo>La ''[[Vita Hludowici Imperatoris]]'' sono due biografie, dalla nascita all'840, dell'imperatore [[Ludovico il Pio]], scritte, in latino, da due monaci, uno anonimo, conosciuto come "l'Astronomo", mentre del secondo si conosce il nome: Thegano.</ref> era figlio secondogenito<ref name=FRANKIS/> del conte di Fezensac<ref name=Hludovici>{{la}} [http://books.google.it/books?id=WW-NO0RSd4AC&pg=PA260&dq=Catalogus+Episcoporum+Mettensium+Monumenta+Germaniæ+historica&hl=it&ei=iu2mTuHwMY-5hAemuIDzDQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&sqi=2&redir_esc=y#v=onepage&q=Catalogus%20Episcoporum%20Mettensium%20Monumenta%20Germaniæ%20historica&f=false #ES Monumenta Germanica historica, tomus II - Vita Hludovici Imperatoris pag 612]</ref>, Liutardo (?- dopo l'[[812]]<ref name=Hludovic>{{la}} [http://books.google.it/books?id=WW-NO0RSd4AC&pg=PA260&dq=Catalogus+Episcoporum+Mettensium+Monumenta+Germaniæ+historica&hl=it&ei=iu2mTuHwMY-5hAemuIDzDQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&sqi=2&redir_esc=y#v=onepage&q=Catalogus%20Episcoporum%20Mettensium%20Monumenta%20Germaniæ%20historica&f=false #ES Monumenta Germanica historica, tomus II - Vita Hludovici Imperatoris pag 615, note 36 e 37]</ref>), che era uno dei conti guasconi di [[Ludovico il Pio]], re d'[[Aquitania]] e di Grimilde<ref name=FRANKISH>{{la}} [http://fmg.ac/Projects/MedLands/FRANKISH%20NOBILITY.htm#Liutharddied809 #ES Nobiltà carolingia - Liuthard]</ref>. Questa discendenza è confermata nel testamento del fratello [[Gerardo di Rossiglione|Gerardo]], in cui Adalardo viene nominato<ref name=Vizeliacensis>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k501306/f378.zoom#ES Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XII - Ex Historia Vizeliacensis Monasterii, pag 317 nota]</ref>. La sua stirpe dei conti di Parigi fu così potente da poter scegliere, nel [[trattato di Verdun]] dell'843, in quale regno in cui dominare (il fratello ad esempio scelse la Provenza)<ref name=":12">{{Cita libro|autore=[[Karl Ferdinand Werner]]|traduttore=Stefania Pico e Sabrina Santamato|titolo=Nascita della nobiltà. Lo sviluppo delle élite politiche in Europa|collana=Biblioteca di cultura storica|anno=2000|editore=[[Giulio Einaudi editore]]|città=[[Torino]]|p=372|ISBN=88-06-15288-2}}</ref>.
 
== Biografia ==