Differenze tra le versioni di "Adalardo il Siniscalco"

Aggiunta abbazia; la pagina wiki segna però una diversa successione abbaziale non-laica, nonostante questa abbazia sembra corrispondere a quella citata da Werner, in quanto il luogo del dominio corrisponde alla Lotaringia, ove erano situati i restanti domini di Adalardo
(Creati template. Per l'abbazia di San Massimino ho usato la wiki relativa)
(Aggiunta abbazia; la pagina wiki segna però una diversa successione abbaziale non-laica, nonostante questa abbazia sembra corrispondere a quella citata da Werner, in quanto il luogo del dominio corrisponde alla Lotaringia, ove erano situati i restanti domini di Adalardo)
 
== Origine ==
Secondo la ''[[Vita Hludowici Imperatoris]]''<ref name=Astronomo>La ''[[Vita Hludowici Imperatoris]]'' sono due biografie, dalla nascita all'840, dell'imperatore [[Ludovico il Pio]], scritte, in latino, da due monaci, uno anonimo, conosciuto come "l'Astronomo", mentre del secondo si conosce il nome: Thegano.</ref> era figlio secondogenito<ref name=FRANKIS/> del conte di Fezensac<ref name=Hludovici>{{la}} [http://books.google.it/books?id=WW-NO0RSd4AC&pg=PA260&dq=Catalogus+Episcoporum+Mettensium+Monumenta+Germaniæ+historica&hl=it&ei=iu2mTuHwMY-5hAemuIDzDQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&sqi=2&redir_esc=y#v=onepage&q=Catalogus%20Episcoporum%20Mettensium%20Monumenta%20Germaniæ%20historica&f=false #ES Monumenta Germanica historica, tomus II - Vita Hludovici Imperatoris pag 612]</ref>, Liutardo (?- dopo l'[[812]]<ref name=Hludovic>{{la}} [http://books.google.it/books?id=WW-NO0RSd4AC&pg=PA260&dq=Catalogus+Episcoporum+Mettensium+Monumenta+Germaniæ+historica&hl=it&ei=iu2mTuHwMY-5hAemuIDzDQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&sqi=2&redir_esc=y#v=onepage&q=Catalogus%20Episcoporum%20Mettensium%20Monumenta%20Germaniæ%20historica&f=false #ES Monumenta Germanica historica, tomus II - Vita Hludovici Imperatoris pag 615, note 36 e 37]</ref>), che era uno dei conti guasconi di [[Ludovico il Pio]], re d'[[Aquitania]] e di Grimilde<ref name=FRANKISH>{{la}} [http://fmg.ac/Projects/MedLands/FRANKISH%20NOBILITY.htm#Liutharddied809 #ES Nobiltà carolingia - Liuthard]</ref>. Questa discendenza è confermata nel testamento del fratello [[Gerardo di Rossiglione|Gerardo]], in cui Adalardo viene nominato<ref name=Vizeliacensis>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k501306/f378.zoom#ES Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XII - Ex Historia Vizeliacensis Monasterii, pag 317 nota]</ref>. La sua stirpe dei conti di Parigi fu così potente da poter scegliere, nel [[trattato di Verdun]] dell'843, in quale regno in cui dominare (il fratello ad esempio scelse la Provenza)<ref name=":12">{{Cita libro|autore=[[Karl Ferdinand Werner]]|traduttore=Stefania Pico e Sabrina Santamato|titolo=Nascita della nobiltà. Lo sviluppo delle élite politiche in Europa|collana=Biblioteca di cultura storica|anno=2000|editore=[[Giulio Einaudi editore]]|città=[[Torino]]|ppp=372-373|ISBN=88-06-15288-2}}</ref>.
 
== Biografia ==
Fu [[siniscalco]] dell'imperatore [[Ludovico il Pio]]<ref name=FRANKIS>{{la}} [http://fmg.ac/Projects/MedLands/FRANKISH%20NOBILITY.htm#_ftnref81 #ES Nobiltà carolingia - Adalard III]</ref>. Fu abate laico dell'abbazia di San Quintinio, succedendo al figlio bastardo di Carlo Magno, [[Ugo di San Bertino|Ugo]]<ref name=":12" />. Egli andò ad abitare a San Quintinio e qua riconciliò tra l'840 e l'843, l'imperatore [[Lotario I|Lotario]] e il fratellastro Carlo il Calvo e nell'853 i due fratellastri si riconciliarono a San Quintino<ref name=":12" />. Come ricompensa per il suo ruolo di mediatore, ricevette l'[[abbazia di Echternach]], come confermato dalla ''Breve Chronicon Epternacense'', tra l'[[850]] e l'[[856]]<ref name="FRANKIS" />. Ricevette inoltre le abbazie di [[Abbazai di San Vaast di Arras|San Vaast di Arras]] e di [[Abbazia di San Massimino|San Massimino]] di Treviri, oltre che la comitato di quest'ultima città<ref name=":12" />. prima della morte di Lotario, divenne anche [[Abbazia di Stavelot|abate di Stavelot]]<ref name=":12" />.
 
Grazie a tutte queste concessioni, divenne l'uomo più potente dell'area che verrà poi chiamata Lotaringia; suo fratello [[Gerardo di Rossiglione|Gerardo]] divenne anch'egli l'uomo più importante nella zona attorno al fiume [[Rodano]], in Borgogna e che risiedeva a [[Lione]] in qualità di ''illustrissimus dux et marchio''<ref name=":12" />. Tra l'[[855]] e l'[[860]], viene citato in vari documenti del re dei Franchi occidentali, [[Carlo il Calvo]] ed il re, [[Lotario II di Lotaringia]]<ref name="FRANKIS" />.
 
Nell'[[861]], secondo gli ''[[Annales Bertiniani]]'', Adalardo, dopo il tentativo di ribellione di [[Carlomanno di Baviera]] contro il padre, il re dei Franchi orientali, [[Ludovico II il Germanico]], fu esiliato dal regno assieme a Carlomanno ed altri<ref name=SanBertin>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k215043h/f128.image#ES Annales Bertiniani, pag 106]</ref> e si recò presso il nipote acquisito, [[Carlo il Calvo]] (infatti la regina [[Ermentrude d'Orléans]] era la figlia di [[Engeltrude di Fézensac]], sorella di Adalardo<ref name=FRANKIS/>). Carlo il Calvo lo ricevette con favore e lo colmò di onori<ref name=SanBertin/>. Nello stesso anno lo insignì del titolo di [[marchese]] di [[Neustria]]<ref>Il [[Neustria|marchesato di Neustria]] fu istituito dal re dei [[Franchi]] occidentali, [[Carlo il Calvo]], proprio nell'[[861]], ed era diviso in due zone, una a sud ovest per combattere i [[Bretoni]], affidata a [[Roberto il Forte]], mentre l'altra zona era a nord est, per combattere i [[Vichinghi]] fu affidata ad Adalardo il Siniscalco.</ref>. Ad Adelardo venne dato anche l'incarico, sempre secondo gli ''[[Annales Bertiniani]]'', di proteggere il figlio, [[Luigi II di Francia|Ludovico il Balbo]]<ref name=SanBerti>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k215043h/f130.image#ES Annales Bertiniani, pag 108]</ref>.
{{Box successione
|tipologia = ecclesiastico
|carica = '''[[Abbazia di San Vaast di Arras|Abate laico di San Vaast di Arras]]'''
|immagine = Prepozyt.png
|periodo = ?
{{Box successione
|tipologia = ecclesiastico
|carica = '''[[Abbazia di San Massimino|Abate laico di San Massimino]]'''
|immagine = Prepozyt.png
|periodo = [[853]]-[[855]]
|precedente = Helysachar<br/>815 circa-836
|successivo = Waldo<br/>[[868]]-[[879]]|30px
}}{{Box successione
|tipologia = ecclesiastico
|carica = '''[[Abbazia di Stavelot|Abate laico dell'abbazia di Stavelot]]'''
|immagine = Prepozyt.png
|periodo = ?
|precedente = ?
|successivo = ?|30px
}}{{Portale|biografie|Medioevo|storia}}