Differenze tra le versioni di "Roberto il Forte"

→‎Biografia: Piccole modifiche e creato template
m (|date ----> |data)
(→‎Biografia: Piccole modifiche e creato template)
Nell'[[845]], il re [[Carlo il Calvo]] gli tolse delle proprietà per restituirle all'[[arcivescovo di Reims]], [[Incmaro di Reims|Icmaro]]<ref name=Diplomat>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k50126z/f651.image#ES Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus VIII- Diplomata Caroli Calvi pag 478]</ref>
 
Nella lotta tra [[Carlo il Calvo]] e [[Ludovico II il Germanico]], Roberto si schierò dalla parte del primo (probabilmente per via della parentela<ref>[[Carlo il Calvo]] aveva sposato la cugina di Roberto [[Ermentrude d'Orléans]]</ref>), per cui la famiglia dei Robertingi, dalla nativa [[Austrasia]] si trasferì in [[Neustria]], dove Roberto, nell'[[852]], ricevette l'[[abbazia di [[Marmoutier]] ([[Tours]]), da condurre come laico, e nel novembre [[853]], secondo il ''Karoli II Capitularia'' fu nominato ''[[missus dominicus]]'' per l'[[Angiò]], il [[Maine (provincia)|Maine]] e la [[Turenna]], e al servizio del re [[Carlo II il Calvo]]<ref name=Leg>{{la}} [http://www.dmgh.de/de/fs1/object/goToPage/bsb00000876.html?pageNo=426&sortIndex=020%3A010%3A0001%3A010%3A00%3A00&zoom=0.50#ES Monumenta Germanica historica, Legum, tomus I, Karoli II Capitularia pag. 426]</ref>.
 
Nell'[[856]], [[Carlo il Calvo]], secondo gli [[Annales Bertiniani]], istituì il [[Maine (provincia)|ducato del Maine]] per suo figlio [[Luigi II di Francia|Luigi il Balbo]]<ref name=Bertiniani>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k215043h/f110.image#ES Annales Bertiniani anno 856, pag 88]</ref>, col compito di contrastare sia i [[Bretoni]], ora alleati<ref name=Bertiniani/>, che i [[Vichinghi]]. Roberto ebbe l'incarico di aiutare Luigi il Balbo e si distinse nelle campagne contro i [[Normanni]], sconfiggendoli nel corso di quell'anno.<br />Ma quando il [[Maine (provincia)|conte del Maine]], [[Rorgone II del Maine|Rorgone II]], nell'[[858]], si ribellò, Roberto il Forte l'appoggiò e quando [[Ludovico II il Germanico]], in quell'anno, attaccò il fratello, Carlo il Calvo, la maggioranza dei nobili, guidati da Roberto il Forte, si ribellarono e rifiutarono di aiutare il loro re, che fu costretto a fuggire e con l'aiuto di [[Ugo l'abate|Ugo l'Abate]]<ref>In quegli anni, alla corte di [[Carlo il Calvo]] erano giunti i parenti di sua madre, [[Giuditta di Baviera|Giuditta]], il fratello, [[Corrado I di Borgogna]], coi figli [[Ugo l'abate|Ugo l'Abate]] e [[Corrado II di Borgogna]], che, in poco tempo, divennero i più ascoltati consiglieri di Carlo il Calvo, mettendo in ombra Roberto, che aveva cominciato a raccogliere intorno a sé il malcontento.</ref> si rifugiò in Borgogna, dove trovò ospitalità presso lo stesso Ugo.
|periodo = 861–866
}}
{{Box successione
 
|tipologia = ecclesiastico
{{Controllo di autorità}}
|carica = '''[[Abbazia di Marmoutier|Abate laico di Marmoutier]]'''
|immagine = Prepozyt.png
|periodo = ?
|precedente = Rinaldo (?)
|successivo = ?|30px
}}{{Controllo di autorità}}
{{Portale|biografie|medioevo|storia}}
[[Categoria:Conti d'Angiò]]