Differenze tra le versioni di "Andrea Carusi"

Per ora metto una "toppa" in attesa di risolvere la questione della rilevanza di tale rivista, eccepita nella pagina di discussione della voce (spero che la toppa non sia peggio del buco).
(Annullata la modifica 118124248 di Windino (discussione) ripristino asserzione fontana. Se non si è d'accordo sull'importanza, che se si puntualizzo, ma non si censuri)
Etichetta: Annulla
(Per ora metto una "toppa" in attesa di risolvere la questione della rilevanza di tale rivista, eccepita nella pagina di discussione della voce (spero che la toppa non sia peggio del buco).)
Laureato in Fisica, è stato planetologo presso lo IASF (Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica) <ref>{{cita web| url=http://spaceguard.rm.iasf.cnr.it/tumblingstone/staff.htm |accesso=18 maggio 2020 | titolo=Tumbling Stone}}</ref>, parte del [[Consiglio Nazionale delle Ricerche]] di Roma, oggi parte dell'[[Istituto nazionale di astrofisica]]. Si occupa delle problematiche connesse con l'impatto di [[asteroide|asteroidi]] e [[cometa|comete]] con la Terra<ref>{{cita pubblicazione |lingua=en |titolo=Present and future of the Spaceguard Survey |autore=A. Carusi |rivista=International Workshop on Collaboration and Coordination among NEO Observers and Orbital Computers held at Kurshiki City Art Museum, Japan from October 23 to 26, 2001 organized by Japan Spaceguard Association |pp.59-66 |anno=2001 |url=http://articles.adsabs.harvard.edu/pdf/2001ccno.conf...59C |editore=Syuzo Isobe and Yoshifusa Asakuro|accesso=18 maggio 2020}}</ref>. È stato presidente della Commission 20 della [[Unione Astronomica Internazionale|International Astronomical Union]] - Positions & Motions of Minor Planets, Comets & Satellites - dal 1991 al 1994<ref>{{cita web|url=https://www.iau.org/administration/membership/individual/5290/|titolo=Andrea Carusi (IAU individual members) |editore=IAU |accesso=15 maggio 2020}}</ref>. Dopo aver promosso un incontro internazionale nell'isola di Vulcano (1995) <ref>{{cita web | url=http://spaceguard.rm.iasf.cnr.it/SGF/Vulcano/INDEX.html | accesso=15 maggio 2020 | titolo=Vulcano Workshop (1995), IAU Working Group on Near-Earth Objects. | urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110722083645/http://spaceguard.rm.iasf.cnr.it/SGF/Vulcano/INDEX.html | dataarchivio=22 luglio 2011 | urlmorto=sì }}</ref> è stato uno dei fondatori e presidente della [[Spaceguard Foundation]] <ref>{{cita web| url=http://spaceguard.rm.iasf.cnr.it/index.html | titolo=Spaceguard Central Node |editore=Spaceguard Foundation |accesso=15 maggio 2020}}</ref><ref>{{cita web| url=http://spaceguard.rm.iasf.cnr.it/SGF/members.html |editore=Spaceguard Foundation |accesso=15 maggio 2020 | titolo= Members of The Spaceguard Foundation}}</ref>.
 
Secondo la rivista amatoriale [[Coelum Astronomia]] è "il maggior esperto italiano e uno tra i più autorevoli astronomi a livello mondiale che si occupano delle problematiche connesse con l'impatto di asteroidi e comete con la Terra".<ref name="Coelum">{{Cita web|url=http://www.coelum.com/coelum/archivio/articoli/l%E2%80%99intervista-con-andrea-carusi|titolo=L’intervista con Andrea Carusi « Coelum Astronomia|sito=www.coelum.com|accesso=2020-12-29}}</ref>
 
Gli è stato dedicato l'[[asteroide]] [[4700 Carusi]]<ref>{{cita web| url=http://www.minorplanetcenter.net/db_search/show_object?object_id=4700 | titolo=(4700) Carusi = 1986 VV6 |editore= IAU - Minor Planet Center |accesso=15 maggio 2020}}</ref>.