Differenze tra le versioni di "Utente:Marco Ciaramella/Sandbox/Leggi fascistissime"

(→‎Bibliografia: + {{cita libro}})
(→‎Premessa e contesto storico: +File:Alfredo Rocco)
=== Premessa e contesto storico ===
In vista delle [[elezioni politiche italiane del 1924]], Mussolini fece approvare una nuova legge elettorale (''[[legge Acerbo]]'') che avrebbe dato i due terzi dei seggi alla lista che avesse ottenuto la maggioranza con almeno il 25% dei voti. La campagna elettorale si tenne in un clima di tensione senza precedenti con intimidazioni e pestaggi. La ''[[Lista Nazionale]]'' guidata da Mussolini ottenne la maggioranza assoluta, con il 64,9% dei voti. Le elezioni politiche del 1924, come ha scritto lo storico e senatore comunista [[Francesco Renda]], furono comunque "la prima e ultima legittimazione costituzionale del fascismo"<ref>Francesco Renda, Storia della Sicilia, Sellerio, 2003, III volume, pagina 1176</ref>.
[[File:MatteottiAlfredo_Rocco.jpggif|thumb|upright|GiacomoAlfredo MatteottiRocco]]
Il 30 maggio [[1924]], il deputato [[socialismo|socialista]] [[Giacomo Matteotti]] prese la parola alla [[Camera dei deputati del Regno d'Italia|Camera]] contestando i risultati delle elezioni.<ref>[[s:Italia - 30 maggio 1924, Discorso alla Camera dei Deputati di denuncia di brogli elettorali|Testo del discorso]] su [[Wikisource]]</ref> Il 10 giugno [[1924]] Matteotti venne rapito e ucciso dagli squadristi. L'opposizione rispose a questo avvenimento ritirandosi sull'[[Aventino]] ([[Secessione dell'Aventino|Secessione aventiniana]]), ma la posizione di Mussolini tenne fino a quando il 16 agosto il corpo decomposto di Matteotti fu ritrovato nei pressi di [[Roma]]. Uomini come [[Ivanoe Bonomi]], [[Antonio Salandra]] e [[Vittorio Emanuele Orlando]] esercitarono allora pressioni sul re affinché Mussolini fosse destituito, [[Giovanni Amendola]] gli prospettò scenari inquietanti, ma [[Vittorio Emanuele III di Savoia|Vittorio Emanuele III]] appellandosi allo [[Statuto Albertino]] replicò: «Io sono sordo e cieco. I miei occhi e le mie orecchie sono il Senato e la Camera»<ref>Fonte: Luciano Regolo, ''Il re signore: tutto il racconto della vita di Umberto di Savoia'', Simonelli Editore, 1998 - ISBN 88-86792-14-X</ref> e quindi non intervenne.