Differenze tra le versioni di "Strage di Capaci"

m
Annullate le modifiche di 95.246.43.105 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.36.78.215
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale Annullato
m (Annullate le modifiche di 95.246.43.105 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.36.78.215)
Etichetta: Rollback
{{Torna a|Giovanni Falcone}}
{{Incidente
|titolo = Strage di Capaci
|immagine = Strage_di_capaci.jpg
|didascalia = L'[[autostrada A29 (Italia)|autostrada A29]] subito dopo l'attentato.
|obiettivo = [[Giovanni Falcone]], giudice antimafia
|nazione = ITA
|luogo = [[Autostrada A29 (Italia)|Autostrada A29]], svincolo di [[Capaci]]
[[Isola delle Femmine]] ([[Provincia di Palermo|PA]])
|data = 23 maggio [[1992]]
|ora = 17:57:48<ref>L’istituto Nazionale di Geofisica comunicava che secondo le risultanze della stazione di Monte Cammarata (AG), determinate dall’analisi temporale dei segnali registrati si poteva stabilire il momento esatto dell’avvenuta esplosione.</ref>
|ora-fine =
|evento = Attentato
|tipologia = Attentato dinamitardo
|esecutori = [[Salvatore Riina]], [[Giovanni Brusca]], [[Pietro Rampulla]], [[Santino Di Matteo]], [[Gioacchino La Barbera]], [[Antonino Gioè]], [[Giovan Battista Ferrante]], [[Salvatore Biondo]], [[Salvatore Biondino]], [[Antonino Troia]], Giovanni Battaglia, [[Leoluca Bagarella]], [[Salvatore Cancemi]], [[Raffaele Ganci]] e altre persone esterne a [[Cosa Nostra]]
|sospetti =
|motivazione = [[Rappresaglia]] contro la lotta a [[Cosa Nostra]]
}}
La '''strage di Capaci''' fu un [[attentato]] di stampo [[terrorismo|terroristico]] - [[mafia|mafioso]] compiuto da [[Cosa Nostra]] il 23 maggio [[1992]] nei pressi di [[Capaci]] (sul territorio di [[Isola delle Femmine]]) con una bomba composta da 500 kg di tritolo, per uccidere il magistrato antimafia [[Giovanni Falcone]]. Gli attentatori fecero esplodere un tratto dell'[[autostrada A29 (Italia)|autostrada A29]], alle ore 17:57, mentre vi transitava sopra il corteo della scorta con a bordo il giudice, la moglie e gli agenti di Polizia, sistemati in tre [[Fiat Croma]] blindate. Oltre al giudice, morirono altre quattro persone: la moglie [[Francesca Morvillo]], anche lei magistrato, e gli agenti della scorta [[Vito Schifani]], [[Rocco Dicillo]] e [[Antonio Montinaro]]. Vi furono 23 feriti, fra i quali gli agenti Paolo Capuzza, [[Angelo Corbo]], Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza.
 
== Storia ==
26 626

contributi