Differenze tra le versioni di "Carlo I di Isenburg-Büdingen-Birstein"

(Traduzione della voce "Carl von Isenburg-Birstein" della wikipedia.en)
 
Alla morte del genitore il 3 febbraio 1803, a 36 anni, il principe salì al trono e tornò in servizio anche a livello militare col grado di maggiore generale dell'esercito prussiano. Ciò detto, la contingenza della posizione del suo stato e gli eventi storici del periodo, lo spinsero nel 1805 ad entrare al servizio dell'esercito francese, premurandosi prima di avvisare re [[Federico Guglielmo III di Prussia]] di questa sua decisione; il sovrano prussiano rispose alla lettera del principe ribadendogli che nulla gli avrebbe vietato di continuare la sua carriera al servizio dei francesi, ma che da quel momento poteva considerarsi escluso dalle fila dell'esercito prussiano, con la perdita del grado ottenuto.
 
===CarlCarlo I come lobbistarappresentante per idei "piccoli" principi tedeschi" nell'Unione di Francoforte===
[[Image:Wolfgang Christian Carl Ludwig von Goldner (1764—1834).jpg|thumb|right|200px|Wolfgang von Goldner, in un'incisione del 1806]]
La ''[[Reichsdeputationshauptschluss]]'' (1803) aveva portato all'incorporazione degli innumerevoli piccoli stati che da secoli componevano gran parte del [[Sacro Romano Impero]], in stati più grandi, già esistenti o costituiti. Il principato di Isenburg si avviava a seguire questo stato delle cose, seppur con notevoli rimostranze. Il ministro di Carlo I, [[Wolfgang von Goldner]], tentò la realizzazione di un'unione intermedia tra i piccoli stati e i grandi stati, formando una confederazione di media grandezza con cui poter mercanteggiare con le rappresentanze diplomatiche di [[Parigi]], [[Vienna]] e [[Berlino]]. Quest'organizzazione prese il nome di Unione di Francoforte. All'idea del principato di Isenburg si unirono altri principati minori dell'area renana, dell'[[Assia]] e della [[Germania sudoccidentale]] come ad esempio il conte [[Federico di Solms-Laubach]], i quali proposero ovviamente il principe Carlo I di Isenburg quale loro rappresentante.
 
147 396

contributi