Differenze tra le versioni di "Teatro Argentino de La Plata"

Creata dalla traduzione della pagina "Teatro Argentino de La Plata"
(Creata dalla traduzione della pagina "Teatro Argentino de La Plata")
 
(Creata dalla traduzione della pagina "Teatro Argentino de La Plata")
|inaugurazione = [[13 de octubre]] de [[1999]]
}}
Il '''Teatro Argentino''' di La Plata è uno dei principali teatri d'opera dell'[[Argentina]]. Per il suo palcoscenico sono passate le figure nazionali e internazionali più importanti di ogni epoca e disciplina.<ref>{{Cita web|url=https://www.gba.gob.ar/cultura/teatro_argentino_la_plata|titolo=Sitio oficial Gobierno de la Provincia de Buenos Aires, Ministerio de Producción, Ciencia y Tecnología: Cultura.}}</ref>
 
Il suo complesso comprende una delle sale d'opera più importanti dell'America Latina. Trova nell'isolato delimitato dalle strade 9 e 10 e dalle avenida 51 e 53, della città capitale della Provincia di Buenos Aires.
== Storia ==
[[File:La_Plata_-_Postal_Teatro_Argentino_-_1904.jpg|miniatura|300x300px|L'antico edificio del '''Teatro Argentino''' fotografato in una [[Cartolina postale|cartolina]] di principi del secolo XX.]]
La città di La Plata venne fondata nel 1882 con un progetto di grande sviluppo, essendo destinata dalla nascita a diventare la capitale della Provincia di Buenos Aires. I primi abitanti decisero in breve tempo di dotarla di un teatro adeguato e, nel [[1885]], l'appena costituita ''Società Anonima Teatro Argentino'' acquistò il terreno occupato dall'edificio attuale.<ref>{{Cita web|url=https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/category/da-capo/|titolo=Archivo Histórico Teatro Argentino de La Plata "Da Capo"}}</ref>
 
Il progetto fu affidato a Leopoldo Rocchi, architetto italiano che ne concepì la struttura adottando i modelli del proprio paese e adottando uno stile neorinascimentale. La costruzione iniziò nel [[1887]] con la previsione di ultimarla entro tre anni.
Durante il primo ventennio di attività il palcoscenico ospitò molti artisti rinomati, come [[Anna Pavlovna Pavlova|Ana Pavlova]] e [[María Guerrero|María Guerriero]], e numerosi talenti del paese. Ma la società gestrice del teatro, contemporaneamente, iniziò ad evidenziare problemi finanziari che, nel [[1910]], sfociarono nella chiusura della sala e in un lungo contenzioso fiscale. La lite terminò nel [[1937]] con la confisca dei beni della società gestrice da parte della Provincia di Buenos Aires.
 
Il lungo periodo di inattività causò gravi danni alla struttura dell'edificio, rendendo necessaria una profonda ristrutturazione, che dotò il teatro di una struttura adeguata a consentirgli di allestire in autonomia i propri spettacoli, creando dei laboratori di scenografia e sartoriaesartoria e i reparti di acconciatura e trucco.
 
InNel [[1938]], creòvennero istituite l'orchestra e il coro stabile, la cui prima partecipazionela ècui statoprima nell'operarappresentazione fu quella de [[La bohème (disambigua)|La Bohème]], di [[Giacomo Puccini]]. AnniQualche anno più pomeriggiotardi, innel [[1946]], creòprese lavita società diil Balletto Stabile, la cui prima direttrice fossefu Giselle Bohn.
 
Il Teatro Argentino di La Plata tornò quindi ad essere un riferimento nle proprio paese per le rappresentazioni operistiche e per il balletto.
Tutta questo ha fatto che il Teatro Argentino dell'Argento fosse l'orgoglio e il luogo costretto di trovo della società amante dell'opera e il balletto.
 
=== L'incendio ===
In [[1977]], durante un'abituale prova del balletto stabile, un incendio, che sospetta intenzionale, "in poche ore ha ridotto a ceneri la sala di stile renacentista.<ref>{{Cita web|url=https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/2016/10/27/la-tragedia/|titolo=La tragedia, Archivo Histórico Teatro Argentino de La Plata "Da Capo".}}</ref><ref>[http://www.pagina12.com.ar/1999/suple/radar/99-10/99-10-17/nota3.htm Oíd Mortales] Radar (Diario Página/12, 17 de octubre de 1999</ref> Solo sono permasto in piede il foyer e le pareti perimetrales" .<ref>{{Cita web|url=https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/2017/10/24/muestra-en-conmemoracion-del-40o-aniversario-del-incendio-del-teatro-argentino-de-la-plata/|titolo=Muestra en conmemoración de los 40 años del incendio del Teatro Argentino de La Plata. Archivo Histórico Teatro Argentino de La Plata}}</ref><ref>[http://www.youtube.com/watch?v=H03RvBeSkdk Video amateur Super 8 sobre el incendio] youtube.com</ref>
Nel [[1977]], durante un'abituale prova del balletto stabile, un incendio, che sospetta intenzionale, "in poche ore ha ridotto a ceneri la sala di stile renacentista.<ref></ref><ref></ref> Solo sono permasto in piede il foyer e le pareti perimetrales" .<ref></ref><ref></ref>
 
Il [[Processo di riorganizzazione nazionale|governo militare]] di allora, nonostante i forti reclamos della società argentina e internazionale per la ricostruzione dell'edificio, ha deciso demolirlo e ha chiamato a un concorso pubblico per la costruzione, nel luogo, di un nuovo e moderno centro culturale che continuasse la gloria dell'antico Teatro Argentino. Le opere hanno cominciato in 1980 in [[1980|1984]] terminò di costruire, ma queste hanno sofferto costanti ritardi e arresti.
 
Nel frattempo, gli integranti delle distinte società stabili del teatro hanno cominciato un derrotero per diversi palcoscenici della città, di tale maniera che le celebrazioni del centenario del Teatro Argentino, in 1990, sono stato portate a capo nelle installazioni del Cinema Grande Rocha, affittato a mediati di 1987 per le autorità governative partorisca dare capienza agli spettacoli del Teatro Argentino, che mai hanno lasciato di realizzarsi.<ref>{{Cita news|url=https://www.eldia.com/nota/2017-10-18-1-38-41-hace-40-anos-un-incendio-reducia-a-escombros-el-historico-teatro-argentino-la-ciudad|titolo=Hace 40 años un incendio reducia a escombros el histórico Teatro Argentino|città=|data=18/10/2017|p=|accesso=21/12/2020}}</ref>
 
Si può ottenere più informazione nel posto web dell'Archiviazione Storica del Teatro Argentino [https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/]
Finalmente, quasi due decenni in più tardi, il [[12 ottobre|12 di ottobre]] di [[1999]] inaugurò la sala lírica con il balletto ''Tango in grigio'' del coreógrafo argentino Oscar Araiz e musica di Atilio Stampone. Nel complemento presentò una trattativa lírico nel quale interpretò frammenti di opere dei compositori [[Giuseppe Verdi]], [[Charles Gounod|Chiacchieri Gounod]], [[Umberto Giordano]] e [[Gaetano Donizetti]].
 
Il complesso consta di una superficie di 60.000 m² coperti polifuncionales , con sale indipendenti, aree di prova, camarines e officine di scenografia, vestiario, utilería, ecc.<ref>{{Cita web|url=https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/2016/10/05/principios-arquitectonicos/|titolo=Principios arquitectónicos. Archivo Histórico Teatro Argentino de La Plata "Da Capo".}}</ref>
 
Il proietto appartiene agli architetti Tomás Oscar García, Enrique Bar, Roberto Germani, Inés Biondo, Alberto Sbarra e Carlo Ucar, chi vincessero il concorso partorisca la costruzione di questa moderna struttura il 14 di agosto di 1979, tra 71 proietti presentati. Questa costruzione è stato dichiarata di Interesse Nazionale mediante il decreto numero 774 del 14 di aprile di 1980.
Il criterio utilizzato è stato il di creare un centro destinato a tutte le arti dello spettacolo: previde una sala partorisca opera, trattative, musica di cameraman e recitals, una sala partorisca microcine (attualmente Sala Astor Piazzolla) e un'altra sala partorisca teatro di prosa o commedia, oltretutto una biblioteca musicale specializzata, discoteca, hemeroteca, cintoteca (registro di nastri registrati) e sala di conferenze che non sono arrivato a finire la sua tappa costruttiva.
 
Gli autori del lavoro fundamentaban: “Il reinserimento dell'edificio del Teatro Argentino nel cuore del centro urbano” e sollevavano la necessità di una forte interazione con un ambiente preexistente. Postulaban un edificio penetrable, trasvasable, con un alto livello di vita urbana, integrando al marco storico dell'asse urbana.<ref>{{Cita news|url=https://dacapoteatroargentino.wordpress.com/2016/10/05/principios-arquitectonicos/|titolo=Un complejo artístico cultural|città=|data=09/09/1979|p=Publicado por Archivo Histórico del Teatro Argentino de La Plata|accesso=21/12/2020}}</ref>
 
== La nuova fase ==
Negli ultimi anni importanti personalità dell'arte coreográfico hanno agito accanto al Balletto Stabile. Tra i nomi possono citarsi a Luglio Bocca, Maximiliano Guerra, Iñaki Urlezaga e Herman Cornejo; Eleonora Cassano, Silvia Bazilis, Raquel Rossetti, Ludmilla Semenyaka, Natalia Ledoskaia, Cecilia Kerche, Marcela Goicochea, María del Reale, Anita Magnari, Marcelo Misailidis, Vladimir Kirillov, Gabriela Alberti, Luis Ortigoza e Marianela Núñez. Anche, renombrados coreógrafos nazionali e internazionali sono invitati permanentemente a realizzare i suoi lavori con la Società.
 
Da 1948 in avanti, e dopo del periodo Bulnes, hanno svolto l'indirizzo e svolsero come insegnanti di ballo le importanti figure Michel Borowski, Nina Verchinina, Yurek Shabelevsky, Roberto Giachero, Amalia Lozano, Tamara Grigorieva, Gioconda Filippini, Smeraldo Agoglia, Gustavo Mollajoli, Ricardo Rivas, Violeta Janeiro, Lyde Peralta, Raquel Rossetti, Tratta Segni, Zarko Prebil, Oscar Araiz, Mario Galizzi, Cristina Delmagro, Mario Silva, e dall'anno 2017 all'attualità Viktor Filimonov, tra gli altri.<ref>[http://teatroargentinoballet.blogspot.com Sitio NO Oficial Ballet Teatro Argentino de La Plata]</ref>
 
=== Insegnanti Sostituti (Corpo Stabile) ===
Gli Insegnanti Sostituti di Repertorio Coreográfico realizzano funzioni come pianiste eseguendo le opere programmate nelle prove di Balletto.
 
Oltre detti compiti, gli insegnanti sostituti di Lírica come di repertorio coreográfico, svolgono come insegnanti apuntadores impartendo ordini per la realizzazione di movimenti escénicos (sipari, teletas e altri elementi di escenotecnia teatrale, effetti speciali, partenze a scena di solistas, coro, figurantes e ballerini, come assistente di luci e seguitori, assistenza musicale in su titolato).<ref>[http://teatroargentinoballet.blogspot.com/2008/06/maestros-de-repertorio-coreogrfico.html Sitio NO Oficial Maestros Sustitutos de Repertorio Coreográfico Teatro Argentino de La Plata]</ref>
 
== Sezioni Tecniche ==
3 760

contributi