Differenze tra le versioni di "L'amico ritrovato"

Annullata la modifica 118432329 di 79.22.128.75 (discussione) inutile ripetizione
(dettagli)
(Annullata la modifica 118432329 di 79.22.128.75 (discussione) inutile ripetizione)
Etichetta: Annulla
== Trama ==
 
Hans Schwarz è un ragazzo sedicenne proveniente da una famiglia ebraica che vive a [[Stoccarda]], in Germania. La sua famiglia fa parte dell'alta borghesia, tranquilla e quasi incurante della propria origine ebraica. Egli descrive i genitori come persone gentili, che mantengono buoni rapporti sia con cristiani sia con ebrei. Quando, nel gennaio del 1932, alla classe di Hans viene aggregato Konradin von Hohenfels, un ragazzo di famiglia nobile, tutti i ragazzi, di origine meno elevata, vogliono diventare suoi amici, e anche Hans desidera con tutto il cuore diventargli amico, senza secondi fini. Konradin inizialmente non si interessa a lui, ma Hans riesce a farsi notare in molti modi, mostrandosi abile in ginnastica e portando anche in classe la propria collezione di monete antiche.
 
Un giorno, sulla strada di casa, Konradin si mette a parlare con Hans: nasce così una vera amicizia tra i due ragazzi, entrambi figli unici e profondamente soli. Hans presenta Konradin ai genitori, lo invita molto spesso a casa sua e gli fa ammirare la sua grande collezione di monete. Il ragazzo continua in seguito ad andare a casa di Hans molto spesso, mentre questi attende a lungo un invito, e quando finalmente va a casa di Konradin, lo fa in assenza dei genitori. La ragione di ciò sta nel fatto che la madre odia gli ebrei, e il padre, innamorato di lei, non intende contraddirla in nulla: entrambi, perciò, non sopportano che il figlio passi del tempo con Hans. Infatti Konradin ignora Hans quando gli capita di incontrarlo a teatro assieme ai genitori. Da quel momento la loro amicizia viene compromessa.