Differenze tra le versioni di "Luigi Grechi"

Figlio di [[Giorgio De Gregori]], bibliotecario<ref>{{cita web|titolo=Giorgio De Gregori|url=http://www.aib.it/aib/stor/bio/degregorig.htm|data=30 giugno 2012}}</ref>, e Rita Grechi, insegnante di lettere, nonché fratello del cantautore [[Francesco De Gregori]], nasce a [[Padova]] nel [[1944]] e cresce tra [[Pescara]] e [[Roma]] dove frequenta il liceo classico e successivamente studia letteratura inglese all'Università.
 
Nel frattempo impara a suonare la chitarra e si appassiona alla [[musica folk]] anglostatunitense e al [[musica country|country]], compie numerosi viaggi (tra cui un lungo e importante soggiorno in [[Irlanda]] ricordato nella canzone "Dublino"). Dalla fine degli anni sessanta è attivo come interprete folk e cantautore (con il nome d'arte di ''Ludwig'') nel celebre [[Folkstudio]] di Via Garibaldi a [[Roma]], il locale entrato nella storia come luogo di formazione di tutta la cosiddetta [[scuola romana dei cantautori]], dove stringe contatti importanti con illustri colleghi come [[Fabrizio De André]], [[Edoardo De Angelis]], [[Francis Kuipers]]; in questo periodo appare in televisione nel settimanale RAI di attualità "Prisma", interpretando un paio di canzoni difolk. Woody Guthrie.
Trasferitosi a Milano dopo il servizio militare viene assunto alla Biblioteca Civica di Miano dove farà il bibliotecario (come già suo padre e suo nonno) fino al 1982: nel frattempo, assunto come nome d'arte il cognome materno Grechi, pubblica il primo album ''[[Accusato di libertà]]'' per l'etichetta [[PDU (etichetta discografica)|PDU]] nel 1975. L'anno successivo pubblica per la stessa etichetta l'album ''[[Luigi Grechi (album)|Luigi Grechi]]'', prodotto come il precedente da Roy Tarrant e contenente anche due canzoni inedite di [[Francesco De Gregori]]: "Rosso corallo" e "La strada è fiorita".
 
Trasferitosi a Milano dopo il servizio militare viene assunto alla Biblioteca Civica di Miano dove farà il bibliotecario(come già suo padre e suo nonno) fino al 1982: nel frattempo, assunto come nome d'arte il cognome materno Grechi, pubblica il primo album ''[[Accusato di libertà]]'' per l'etichetta [[PDU (etichetta discografica)|PDU]] nel 1975. L'anno successivo pubblica per la stessa etichetta l'album ''[[Luigi Grechi (album)|Luigi Grechi]]'', prodotto come il precedente da Roy Tarrant e contenente anche due canzoni inedite di [[Francesco De Gregori]]: "Rosso corallo" e "La strada è fiorita".
 
Sempre assieme al fratello, Grechi firma la canzone "Dublino", pubblicata sul terzo e ultimo album per la PDU ''[[Come state?]]'', uscito nel 1979, realizzato con la partecipazione di noti musicisti come [[Lucio Fabbri|Lucio "violino" Fabbri]], poi confluito nella [[Premiata Forneria Marconi]], e nel quale, accanto a un classico di Grechi come "Chitarrista cieco", spicca anche una traduzione di "One of us cannot be wrong" da [[Leonard Cohen]] (intitolata "La regola d'oro"). Una lunga pausa di silenzio discografico viene spezzata nel 1987 dall'album ''[[Dromomania (album)|Dromomania]]'', pubblicato dalla [[CBS (etichetta discografica)|CBS]].
Il demo viene però rifiutato da diverse etichette. Tuttavia nel 1993 "Il bandito e il campione" viene ripresa da [[Francesco De Gregori]] vendendo oltre 500.000 copie col suo [[Il bandito e il campione|album omonimo]], e nello stesso anno a Luigi Grechi viene assegnata la targa per la miglior canzone dell'anno dal [[Premio Tenco]]. Nel 1994 ha quindi la possibilità di pubblicare per la Sony un album contenente la sua versione del "Bandito e il campione" accanto ad altre canzoni nuove e alcuni aggiornamenti di materiale dei primi album ormai irreperibili. L'album si intitola ''[[Girardengo e altre storie]]'', prodotto da [[Vincenzo Mancuso]] (ex chitarrista dei [[Camaleonti]]).
 
Nel 1999 esce ''[[Così va la vita]]'', prodotto da [[Guido Guglielminetti]], che accosta ancora nuove versioni di brani già noti a vario materiale inedito. Nel 2003 pubblica l'album ''[[Pastore di nuvole]]'', registrato dal vivo nel suo studio personale con lo stesso gruppo di musicisti che lo segue nei suoi concerti (la "Bandaccia"). Nel [[2006]] partecipa alla realizzazione del secondo album di [[Andrea Parodi (cantautore)|Andrea Parodi]], ''[[Soldati (album)|Soldati]]'', cantandocon un recitativo nel brano ''Formia ha Gaeta ma Gaeta Formia non ha''. Nel [[2012]] pubblica l'album ''[[Angeli & fantasmi]]'', utilizzando per la prima volta il suo vero cognome e non quello della madre<ref>[http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/11/01/news/luigi_grechi-45591274/ Luigi, l'altro De Gregori un nuovo disco (e il vero nome) - Repubblica.it<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>.
 
Nel 2015 l'Associazione "Civilia - Cultura, parole e musica" gli assegna il Premio "Civilia - Canzone d'Autore".
Utente anonimo