Differenze tra le versioni di "Greta Pinggera"

nessun oggetto della modifica
 
=== Stagioni 2013-2016: il primo podio e la prima vittoria in Coppa del Mondo ===
Il 6 gennaio 2012, non ancora 17enne, ha esorditoesordisce in Coppa del Mondo, terminando al 16º posto la prova di qualificazione, non potendo dunque disputare la gara. Il 3 marzo 2012, alla sua seconda apparizione in una tappa di Coppa del Mondo è giuntagiunge quarta, a soli 0"60 centesimi dal podio.
 
Il 6 gennaio 2012, non ancora 17enne, ha esordito in Coppa del Mondo, terminando al 16º posto la prova di qualificazione, non potendo dunque disputare la gara. Il 3 marzo 2012, alla sua seconda apparizione in una tappa di Coppa del Mondo è giunta quarta, a soli 60 centesimi dal podio.
 
La stagione successiva, il 30 dicembre 2012, a Lasa, alla sua terza gara di Coppa del Mondo, è salita per la prima volta sul podio, classificandosi seconda. Nelle ultime tre gare stagionali agguanta altrettanti podi, finendo una volta sul secondo e due volte sul terzo gradino del podio.
 
Ad inizio stagione 2013/2014 non è convocata per la tappa inaugurale di Coppa del Mondo per mancanza di fondi. Mancando a questo appuntamento, e dopo essersi classificata al 10º posto nel suo esordio stagionale, non va oltre il sesto posto nella classifica finale di Coppa del Mondo, nonostante due terzi posti in chiusura di stagione.
 
Nel 2014 annunciòannuncia il passaggio allo slittino su pista artificiale<ref>[http://www.neveitalia.it/sport/slittino/news/greta-pingera-lascia-lo-slittino-naturale-per-lo-slittino-artificiale Greta Pinggera lascia lo slittino naturale per lo slittino artificiale - Neve Italia]</ref>, che già aveva provato quattro anni prima e venendo inizialmente allenata da [[Armin Zöggeler]].<ref>[http://www.sportnews.bz/it/altri-sport/slittino-pista-artificiale/dettaglio-news/news/translate-to-italiano-nachhilfe-beim-grossmeister.html] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20141111181111/http://www.sportnews.bz/it/altri-sport/slittino-pista-artificiale/dettaglio-news/news/translate-to-italiano-nachhilfe-beim-grossmeister.html |data=11 novembre 2014 }}).</ref> RitrattòRitratta in seguito, decidendo di continuare a gareggiare nello slittino su pista naturale dopo circa un anno di allenamenti.
 
Il 18 gennaio 2015 ha conquistatoconquista la sua prima medaglia ai [[Campionati mondiali di slittino su pista naturale|campionati mondiali]] di [[Sankt Sebastian (Mariazell)|Sankt Sebastian]], in [[Austria]], aggiudicandosi il bronzo.
 
Il 21 febbraio 2016, a [[Umhausen]], hatrova vintoil lasuccesso suaper la prima garavolta diin Coppa del Mondo.
 
=== Stagioni 2017-2018: la Coppa del Mondo e il titolo iridato ===
Nel 2017 si è laureatalaurea [[Campionati mondiali di slittino su pista naturale 2017|campionessa mondiale a Vatra Dornei]] precedendo l'iridata in carica e connazionale [[Evelin Lanthaler]] per soli 17 centesimi di secondo. Nella stessa edizione ha conquistatoconquista anche una medaglia d'argento nella prova a squadre. A fine stagione ha raggiuntoraggiunge il massimo obiettivo di Coppa del Mondo, aggiudicandosi il trofeo con 610 punti (ex-aequo con Evelin Lanthaler) ottenuti in 8 gare, dopo aver vinto le ultime tre prove ed essere salita sul podio in tutte e otto le occasioni.
 
Vince anche la prima prova di Coppa del Mondo 2018 a KuethaiKüthai facendo così segnare la quarta vittoria consecutiva, striscia più lunga di sempre fino a quel momento per un'italiana, in condominio con [[Renate Gietl]] e [[Sonja Steinacher]].
Nel 2017 si è laureata [[Campionati mondiali di slittino su pista naturale 2017|campionessa mondiale a Vatra Dornei]] precedendo l'iridata in carica e connazionale [[Evelin Lanthaler]] per soli 17 centesimi di secondo. Nella stessa edizione ha conquistato anche una medaglia d'argento nella prova a squadre. A fine stagione ha raggiunto il massimo obiettivo di Coppa del Mondo, aggiudicandosi il trofeo con 610 punti (ex-aequo con Evelin Lanthaler) ottenuti in 8 gare, dopo aver vinto le ultime tre prove ed essere salita sul podio in tutte e otto le occasioni.
 
Vince anche la prima prova di Coppa del Mondo 2018 a Kuethai facendo così segnare la quarta vittoria consecutiva, striscia più lunga di sempre fino a quel momento per un'italiana, in condominio con [[Renate Gietl]] e [[Sonja Steinacher]].
 
Il 28 gennaio 2018 vince la sua sesta gara di Coppa del Mondo ma la tappa successiva, l'ultima stagionale, è costretta a chiudere una striscia di 14 podi consecutivi che aveva avuto inizio due anni prima, il 31 gennaio 2016, a causa di un incidente in gara mentre era in piena corsa per confermarsi vincitrice della Coppa del Mondo. Chiude la stagione al secondo posto in classifica generale dopo aver realizzato due vittorie in sei gare e cinque podi consecutivi.
 
=== Stagioni 2019-2021: la grande rivalità con Evelin Lanthaler ===
Durante la stagione di Coppa del Mondo 2019 è terminatatermina sul podio in sei occasioni su sette, collezionando quattro secondi posti sempre alle spalle della ormai acerrima rivale Evelin Lanthaler che si è aggiudicataaggiudica nel frattempo la terza Coppa del Mondo nell'arco di quattro stagioni grazie ad un'infallibile striscia di 7 vittorie in altrettante gare stagionali.
 
Ai mondiali del 2019 è giuntagiunge al secondo posto nel singolo dietro la già campionessa mondiale 2015 Evelin Lanthaler, con un ritardo di 1"80.
Durante la stagione di Coppa del Mondo 2019 è terminata sul podio in sei occasioni su sette, collezionando quattro secondi posti sempre alle spalle della ormai acerrima rivale Evelin Lanthaler che si è aggiudicata nel frattempo la terza Coppa del Mondo nell'arco di quattro stagioni.
 
Ai mondiali del 2019 è giunta al secondo posto nel singolo dietro la già campionessa mondiale 2015 Evelin Lanthaler, con un ritardo di 1"80.
 
L'anno successivo torna alla vittoria a Vatra Dornei dopo un'astinenza durata quasi due anni. Durante la stagione è salitasale nuovamente sul podio in sei gare su un totale di sette disputate. Evelin Lanthaler si è aggiudicataaggiudica tutte le restanti sei competizioni e hapuò potutocosì levare al cielo per la quarta volta il trofeo della Coppa del Mondo.
 
Ai campionati europei del 2020 è solamente quarta al traguardo alle spalle di Lanthaler, Lavrent'eva e Unterberger.
 
Nella [[Coppa del Mondo di slittino su pista naturale 2021|stagione 2020/2021]] è costantemente la numero due al mondo, non riuscendo mai ad avvicinare i tempi fatti segnare dalla connazionale Lanthaler, eccezion fatta per la prima manche del terzo appuntamento della Coppa del Mondo a Moso in Passiria dove entrambe si classificano al primo posto ad ex-aequo. La connazionale termina la stagione con un incredibile filotto di sei successi in sei gare mentre Greta si piazza alle sue spalle nelle prime cinque gare e chiude al terzo posto la gara finale in casa, a Lasa.
 
Ai [[XXIII mondiali di slittino su pista naturale]] non riesce a trovare la giusta velocità per lottare per le medaglie soprattutto nell'ultimo settore di gara dove perde decimi preziosi in entrambe le manche. Nella gara vinta ancora una volta da Evelin Lanthaler, chiude al quinto posto, suo peggior risultato in carriera nelle rassegne iridate.
 
È salita per ben 42 volte sul podio in gare di Coppa del Mondo collezionando, per via della costante presenza della plurititolata Evelin Lanthaler, ben 22 secondi posti. Solo altre tre atlete [[Statistiche e record della Coppa del Mondo di slittino su pista naturale|nella storia della disciplina]] ne vantano un maggior numero (Ekaterina Lavrent'eva 96, Evelin Lanthaler 59, Renate Gietl 49).
 
== Vita privata ==
22 064

contributi