Differenze tra le versioni di "Egittologia"

183 byte aggiunti ,  5 mesi fa
nessun oggetto della modifica
 
== Storia ==
Fra gli autori antichi che nutrirono interesse per l'Egitto, a parte storici e geografi come [[Erodoto]], [[Strabone]], [[Diodoro Siculo]] e [[Gaio Plinio Secondo|Plinio il Vecchio]], un egittologoegittologi ''[[ante litteram]]'' puòpossono essere consideratoconsiderati [[Manetone]], che nel [[III secolo a.C.]] scrisse gli ''Aegyptiaca -'' ed [[Orapollo]], autore di un trattatello del IV secolo di decifrazione dei geroglifici ([[Hyeroglyphicà]]), che si basa però su congetture di dubbia fondatezza.
 
L'egittologia vera e propria sorse nel XIX secolo sorse sulle fondamenta costruite dalla letteratura araba di epoca medievale e quella occidentale di epoca moderna. Nessuna epica precedente si occupò, tuttavia, di conservazione e restauro, ad eccezione di studiosi arabi come [[Abd al-Latif al-Baghdadi]] (1161-1231), [[Al-Idrīsī]] (1173-1251) e [[Al-Maqrīzī]] (1364-1442), che furono «impegnati nello studio materiale dei monumenti antichi dell’Egitto e nella difesa dalle distruzioni del loro tempo».<ref>{{cita pubblicazione | autore = Michele Coppola| url = https://doaj.org/article/5e87dc64cd364d3bb5321bd2da65e79e | titolo = Problematiche conservative del patrimonio archeologico in Egitto. Casi studio nell’area di Antinoe
| via = [http://archive.is/wip/ewIYN archive.is] | sito = [[DOAJ]] | formato = pdf | editore = Firenze University Press | rivista = Restauro Archeologico | anno = 2014 | OCLC = 8349059147| volume = 22 | numero = 1 | doi = 10.13128/RA-17951| urlarchivio = https://web.archive.org/web/20200216113058/https://oaj.fupress.net/index.php/ra/article/view/1924/1924 | dataarchivio = 16 febbraio 2020 | urlmorto = no}}</ref>
 
Utente anonimo