Differenze tra le versioni di "Team Pedercini"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
Gli anni seguenti sono piuttosto travagliati e avari di risultati. Vengono ingaggiati numerosi piloti, come Nello Russo, [[Max Neukirchner]] e Alessio Velini, ma anche a causa di numerosi infortuni il team non riesce a raccogliere i risultati sperati escludendo alcune buone prestazioni di [[Gianluca Nannelli]] e [[Ivan Clementi]].
[[File:Luca Scassa.JPG|thumb|left|Luca Scassa in sella ad una [[Kawasaki ZX-10R|ZX-10R]] del team Pedercini nella stagione [[Campionato mondiale Superbike 2009|2009]]]]
Nel [[Superstock 1000 FIM Cup 2007|2007]], dopo il ritiro di Lucio Pedercini, il team si sposta nella [[Superstock 1000 FIM Cup]], ma ancora una volta un problema fisico per il pilota di punta, [[Sheridan Morais]], ne limita la possibilità di esprimersi. Il [[Campionato mondiale Superbike 2008|2008]] vede il team abbandonare le motociclette [[Ducati Corse|Ducati]] per passare alle motociclette a quattro cilindri della [[Kawasaki Racing|Kawasaki]].<ref>{{cita web|url=http://www.motoblog.it/post/11791/sbk-presentazione-del-team-kawasaki-pedercini|titolo=SBK: presentazione del Team Kawasaki Pedercini|data=27 gennaio 2008|sito=motoblog.it|autore=Gianni C.|editore=Triboo Media S.r.l.}}</ref> Ancora una volta la stagione è in "chiaro-scuro", ma sono da evidenziare le prestazioni di [[Ayrton Badovini]] nel mondiale Superbike e Morais in Superstock 1000 FIM Cup. Dal [[2008]] si alternano alla guida delle moto preparate dal team [[Yoann Tiberio]], [[David Salom]], [[Vittorio Iannuzzo]] e [[Luca Scassa]].<ref>{{cita web|url=http://www.motoblog.it/post/16804/sbk-luca-scassa-firma-con-il-team-kawasaki-perdercini|titolo=SBK: Luca Scassa firma con il Team Kawasaki Perdercini|data=16 dicembre 2008|sito=motoblog.it|autore=Gianluca|editore=Triboo Media S.r.l.}}</ref> Nel [[Campionato Italiano Velocità 2010|2010]] il team gareggia nelle categorie Superbike e Stock 1000 del [[Campionato Italiano Velocità]] come anche nella [[Campionato Italiano Velocità 2011|stagione successiva]].
 
Per la stagione [[campionato mondiale Superbike 2011|2011]] del mondiale Superbike il team Pedercini schiera due piloti: [[Roberto Rolfo]] e [[Mark Aitchison]], che vengono sostituiti con [[David Salom]] e [[Leandro Mercado]] per la stagione [[Campionato mondiale Superbike 2012|2012]]. Per la stagione [[Campionato mondiale Superbike 2013|2013]] vengono schierati [[Federico Sandi]] e lo svedese [[Alexander Lundh]]. Sempre nel [[Campionato Italiano Velocità 2013|2013]], il team mette in pista, tra titolari e [[wild card (sport)|wild-card]], quattro piloti nel campionato Italiano Superbike; tra di essi [[Leandro Mercado]] conquista due vittorie ed il secondo posto in classifica.
 
Il team Pedercini Racing nel [[Campionato mondiale Superbike 2014|2014]] scende in pista con [[Alessandro Andreozzi]] e [[Luca Scassa]] nella categoria EVO del [[mondiale Superbike]] e con Savadori, Lanusse, Nemeth e Alviz per la Superstock 1000 FIM Cup. In questa stagione il team, con l'italiano [[Lorenzo Savadori]], lotta per il titolo nella [[Superstock 1000 FIM Cup]], fino all'ultima gara. Titolo vinto dall'argentino [[Leandro Mercado]].<ref>{{cita web|url=http://www.cesenatoday.it/sport/lorenzo-savadori-caduta-magny-cours-risultati-5-ottobre-2014.html|titolo=Superstock, epilogo shock per Savadori: cade a poche curve dal traguardo e perde il titolo|data=6 ottobre 2014|sito=cesenatoday.it|autore=Giovanni Petrillo|editore=Citynews S.p.A.}}</ref> Le prestazioni di Savadori, insieme a quelle del compagno di squadra Romain Lanusse, permettono comunque a [[Kawasaki Racing|Kawasaki]] di ottenere, per la seconda volta, il titolo costruttori della Superstock 1000 FIM Cup. Il [[Campionato mondiale Superbike 2015|2015]] e il [[Campionato mondiale Superbike 2016|2016]] si rivelano annate avare di successi, sia nel [[campionato mondiale Superbike]] che nella [[Superstock 1000 FIM Cup]] dove, tra infortuni e sostituzioni, si avvicendano molti piloti alla guida delle [[Kawasaki ZX-10R]] gestite dal team italiano ma senza ottenere risultati di rilievo.