Sillimanite: differenze tra le versioni

m
→‎Utilizzo in industria: formattazione formule chimiche
m (→‎Utilizzo in industria: formattazione formule chimiche)
== Generalità ==
La sillimanite è uno dei tre polimorfi alluminosilicati, assieme alla andalusite ed alla cianite. Una varietà comune di sillimanite è conosciuta come fibrolite, così chiamato perché il minerale appare come un mazzo di fibre intrecciate, caratteristica visibile ad occhio nudo. Entrambe le forme di sillimanite, fibrose e tradizionali, sono comuni nelle rocce sedimentarie. È un minerale "indice" di alta temperatura ma pressione variabile.
== Utilizzo in nell'industria ==
Per il più alto contenuto di allumina (Al2O3Al<sub>2</sub>O<sub>3</sub>) rispetto alla caolinite pura (2SiO2Al2OH2O2SiO<sub>2</sub>Al<sub>2</sub>OH<sub>2</sub>O), argilla a contenuto massimo di allumina, la sillimanite (SiO2Al2O3SiO<sub>2</sub>Al<sub>2</sub>O<sub>3</sub>) viene impiegata nella produzione di materiali refrattari ed in particolare in quella dei refrattari detti alluminosi, dalle percentuali di allumina oltre il 46% (percentuale della caolinite) con un massimo di 62% in peso, dove il refrattario prende il nome di refrattario sillimanitico. La sillimanite, non essendo un'argilla, non è plastica, per cui non è possibile utilizzarla direttamente per formare il mattone refrattario finale, e per questo la si macina in polvere e la si mescola all'argilla, che funge da legante, ed in questo modo si potrà produrre il mattone refrattario. Il suo reale utilizzo rimane comunque ridotto per l'alto costo della materia stessa.
 
== Note ==
<references/>