Differenze tra le versioni di "Governo Draghi"

→‎Marzo: ministro sempre minuscolo va. Nomi senza titolo (prof.), soprattutto se enciclopedici
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
(→‎Marzo: ministro sempre minuscolo va. Nomi senza titolo (prof.), soprattutto se enciclopedici)
*6 marzo - A seguito di una polemica scaturita su alcuni articoli di stampa circa l’utilizzo della società di consulenza manageriale [[McKinsey & Company|McKinsey]] per la stesura del Recovery Plan, il [[Ministero dell'economia e delle finanze]] pubblica un comunicato informando che ''«la governance del PNRR italiano è in capo alle Amministrazioni competenti e alle strutture del MEF che si avvalgono di personale interno degli uffici»'', che l’acquisto dei servizi è avvenuto secondo la normativa vigente e infine che McKinsey ''«non è coinvolta nella definizione dei progetti del PNRR e che l’amministrazione si avvale di supporto esterno nei casi in cui siano necessarie competenze tecniche specialistiche o quando il carico di lavoro è anomalo e i tempi di chiusura sono ristretti, come nel caso del PNRR, che va consegnato all’[[Unione europea]] entro il 30 aprile»''.<ref>{{cita web|url=https://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/comunicati/2021/La-governance-del-PNRR-e-in-capo-al-Mef-e-alle-Amministrazioni-competenti/|titolo=La governance del PNRR è in capo al Mef e alle Amministrazioni competenti|accesso=10 marzo 2021}}</ref>
*9 marzo - Il ministro dello sviluppo economico [[Giancarlo Giorgetti]] firma un decreto ministeriale per liberare immediatamente 200 milioni di euro per interventi di ricerca e riconversione industriale per la produzione dei [[Vaccino anti COVID-19|vaccini anti COVID-19]].<ref>{{cita web|url=https://www.mise.gov.it/index.php/it/198-notizie-stampa/2042103-vaccini-via-libera-a-200-milioni-di-euro-per-ricerca-e-riconversione-industriale|titolo=Vaccini: Via libera a 200 milioni di euro per ricerca e riconversione industriale|accesso=10 marzo 2021}}</ref>
*10 marzo - A [[Palazzo Chigi]] si svolge la cerimonia di firma del "Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" con il Presidente Draghi, il ministro per la Pubblica Amministrazione [[Renato Brunetta]] e i Segretari generali di [[Confederazione Generale Italiana del Lavoro|Cgil]], [[Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori|Cisl]] e [[Unione Italiana del Lavoro (1950)|Uil]].<ref>{{cita web|url=http://www.governo.it/it/articolo/firma-del-patto-l-innovazione-del-lavoro-pubblico-e-la-coesione-sociale/16372|titolo=Firma del ‘Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale’|accesso=10 marzo 2021}}</ref> Si svolge inoltre una riunione tra il Governo, il Presidente dell’ [[Istituto superiore di sanità|ISS]] [[Silvio Brusaferro]] e il direttore del [[Consiglio superiore di sanità]] [[Franco Locatelli]] per un primo esame sul recente parere del Cts riguardo le nuove misure per contrastare la pandemia.<ref>{{cita web|url=http://www.governo.it/it/articolo/covid-19-riunione-palazzo-chigi-sulle-nuove-misure-di-contrasto-alla-pandemia/16376|titolo=Covid-19, riunione a Palazzo Chigi sulle nuove misure di contrasto alla pandemia|accesso=10 marzo 2021}}</ref> Il Ministroministro dell’Istruzione, Professordell’istruzione [[Patrizio Bianchi]], firma il decreto che definisce i criteri e i parametri per l’utilizzo dei 61.944.000 euro destinati all’ampliamento dell’offerta formativa, che saranno utilizzati dalle scuole anche per mettere in campo azioni mirate in risposta alle criticità determinate dalla pandemia, soprattutto nelle aree maggiormente disagiate del Paese.  
 
==Note==