Differenze tra le versioni di "Maria Isabella di Savoia-Genova"

m
nessun oggetto della modifica
m
{{E|Non si capisce per quale motivo tale biografia dovrebbe rivestire un qualsivoglia interesse, rilevanza o enciclopedicità, nulla traspare o s'evince|nobili|dicembre 2020}}
{{Aristocratico
|nome = Maria Isabella di Savoia-Genova
|stemma = ArmsCoat of the Housearms of Savoythe savoy-Genovagenova line.svg
|prefisso onorifico = [[Altezza reale]]<ref>Anche se, in base all'articolo 7 del regio decreto del 1º gennaio 1890, Maria Isabella dovrebbe essere [[altezza serenissima]], le è concesso il trattamento di [[altezza reale]] in base a un emendamento del 12 maggio 1946, che estende tale trattamento a tutti i membri dinasticamente legittimi della famiglia reale. Vedi {{cita web|url=http://chivalricorders.org/royalty/gotha/savoyhis.htm|titolo=Royal House of Italy|accesso=18 dicembre 2014|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20140809175133/http://chivalricorders.org/royalty/gotha/savoyhis.htm|dataarchivio=9 agosto 2014|urlmorto=si}}</ref>
|immagine = Maria Isabella di Savoia-Genova.jpg
|legenda = Maria Isabella di Savoia-Genova
|titolo = Principessa di Savoia
|titolo = [[Linea di successione al trono d'Italia|Principessa d'Italia]]
|nome completo = Maria Isabella Elena Immacolata Barbara Anna Pace di Savoia-Genova
|data di nascita = 23 giugno 1943
|GiornoMeseMorte =
|AnnoMorte =
|Attività = nobile
|Nazionalità = italiana
|FineIncipitPostNazionalità = èappartenente unaa discendente di casa[[Casa Savoia]], appartenenteultima discendente aldel ramo cadetto dei [[Savoia-Genova]]
|CategorieImmagine = no
}}
 
== Biografia ==
Nata a [[Roma]] il 23 giugno 1943, è figlia unica di [[Eugenio di Savoia-Genova|Eugenio]] e di [[Lucia di Borbone-Due Sicilie]].<ref name=peerage>{{cita web|url=http://thepeerage.com/p11449.htm#i114485|titolo=Maria Isabella di Savoia-Genova, Principessa di Savoia-Genova|accesso=24 agosto 2014}}</ref>.
 
Il 29 aprile 1971 sposò a [[Losanna]] Alberto Frioli, figlio dell'armatore Guido Aldo.<ref>{{cita web|url=http://geneall.net/it/name/57552/maria-elisabetta-principessa-di-savoia-genova/|titolo=Maria Elisabetta, principessa di Savoia-Genova|accesso=8 agosto 2014}}</ref> Il matrimonio venne autorizzato da [[Umberto II di Savoia|Umberto II]], che conferì a Guido Aldo il titolo ereditario di conte di Rezzano.<ref>{{cita web|url=http://www.cnicg.net/umberto.asp|titolo=Provvedimenti nobiliari di grazia e di giustizia di Umberto di Savoia|accesso=10 febbraio 2013|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131123174353/http://www.cnicg.net/umberto.asp|dataarchivio=23 novembre 2013|urlmorto=sì}}</ref> Dal matrimonio sono nati quattro figli, tre dei quali viventi, Vittorio Eugenio (1972), Carlo Alberto (1974) e Maria Luce (1978), e una, Maria Cristina, nata nel 1973 e morta a un mese e mezzo di età.
In occasione del matrimonio, l'ex re [[Umberto II di Savoia|Umberto II]] conferì al padre dello sposo il titolo ereditario di conte di Rezzano<ref>{{cita web|url=http://www.cnicg.net/umberto.asp|titolo=Provvedimenti nobiliari di grazia e di giustizia di Umberto di Savoia|accesso=10 febbraio 2013|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131123174353/http://www.cnicg.net/umberto.asp|dataarchivio=23 novembre 2013|urlmorto=sì}}</ref>.
Dal matrimonio sono nati quattro figli, tre dei quali viventi, Vittorio Eugenio (1972), Carlo Alberto (1974) e Maria Luce (1978), e una, Maria Cristina, nata nel 1973 e morta a un mese e mezzo d'età.
 
Dal 2006 è presidentessa onoraria del movimento culturale "Rinnovamento nella Tradizione - Croce Reale".<ref>{{cita web|url=http://www.crocereale.it/main/index.php/chi-siamo/organigramma|titolo=Organigramma aggiornato con decorrenza dal 13 ottobre 2014|accesso=18 dicembre 2014|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20141218185135/http://www.crocereale.it/main/index.php/chi-siamo/organigramma|dataarchivio=18 dicembre 2014}}</ref>.
 
== AscendenzaAlbero genealogico ==
<div align="center">
{{Ascendenza
}}
</div>
 
== Ascendenza patrilineare ==
# [[Umberto I Biancamano|Umberto I]], conte di Savoia, circa 980-1047
# [[Oddone di Savoia|Oddone]], conte di Savoia, 1023-1057
# [[Amedeo II di Savoia|Amedeo II]], conte di Savoia, 1046-1080
# [[Umberto II di Savoia (conte)|Umberto II]], conte di Savoia, 1065-1103
# [[Amedeo III di Savoia|Amedeo III]], conte di Savoia, 1087-1148
# [[Umberto III di Savoia|Umberto III]], conte di Savoia, 1136-1189
# [[Tommaso I di Savoia|Tommaso I]], conte di Savoia, 1177-1233
# [[Tommaso II di Savoia|Tommaso II]], conte di Savoia, 1199-1259
# [[Amedeo V di Savoia|Amedeo V]], conte di Savoia, 1249-1323
# [[Aimone di Savoia (1291-1343)|Aimone]], conte di Savoia, 1291-1343
# [[Amedeo VI di Savoia|Amedeo VI]], conte di Savoia, 1334-1383
# [[Amedeo VII di Savoia|Amedeo VII]], conte di Savoia, 1360-1391
# [[Amedeo VIII di Savoia|Amedeo VIII]], duca di Savoia, 1383-1451
# [[Ludovico di Savoia|Ludovico]], duca di Savoia, 1413-1465
# [[Filippo II di Savoia|Filippo II]], duca di Savoia, 1443-1497
# [[Carlo II di Savoia|Carlo II]], duca di Savoia, 1486-1553
# [[Emanuele Filiberto di Savoia|Emanuele Filiberto]], duca di Savoia, 1528-1580
# [[Carlo Emanuele I di Savoia|Carlo Emanuele I]], duca di Savoia, 1562-1630
# [[Tommaso Francesco di Savoia|Tommaso Francesco]], principe di Carignano, 1596-1656
# [[Emanuele Filiberto di Savoia-Carignano|Emanuele Filiberto]], principe di Carignano, 1628-1709
# [[Vittorio Amedeo I di Savoia-Carignano|Vittorio Amedeo I]], principe di Carignano, 1690-1741
# [[Luigi Vittorio di Savoia-Carignano|Luigi Vittorio]], principe di Carignano, 1721-1778
# [[Vittorio Amedeo II di Savoia-Carignano|Vittorio Amedeo II]], principe di Carignano, 1743-1780
# [[Carlo Emanuele di Savoia-Carignano|Carlo Emanuele]], principe di Carignano, 1770-1800
# [[Carlo Alberto di Savoia|Carlo Alberto]], re di Sardegna, 1798-1849
# [[Ferdinando di Savoia-Genova (1822-1855)|Ferdinando]], primo duca di Genova, 1822-1855
# [[Tommaso di Savoia-Genova|Tommaso]], secondo duca di Genova, 1854-1931
# [[Eugenio di Savoia-Genova|Eugenio]], quinto duca di Genova, 1906-1996
# Maria Isabella di Savoia-Genova, 1943
 
== Note ==