Differenze tra le versioni di "Luigi Torelli"

1 811 byte rimossi ,  7 mesi fa
tutto
m (Bot: orfanizzo redirect da cancellare)
(tutto)
{{S|politici italiani}}
{{Bio
{{Carica pubblica
|Nome = Luigi
|Cognome = Torelli
|Sesso = M
|LuogoNascita = Villa di Tirano
|GiornoMeseNascita = 9 febbraio
|AnnoNascita = 1810
|LuogoMorte = Tirano
|GiornoMeseMorte = 14 novembre
|AnnoMorte = 1887
|Epoca = 1800
|Attività = politico
|Nazionalità = italiano
}}
Fu Ministro dell'agricoltura, industria e commercio.
 
==Biografia==
 
Agli esordi della sua attività pubblica, suo fu il gesto simbolico di issare con onore una grande bandiera tricolore sulla Madonnina del [[Duomo di Milano]], al termine delle [[Cinque giornate]] il 20 marzo 1848.
 
Fu governatore, poi [[prefetto]] di [[Sondrio]] dal 1859 al 9 ottobre 1861. Successivamente venne nominato prefetto di Bergamo, Palermo (durante la cosiddetta ''[[rivolta del sette e mezzo]]''), Pisa e Venezia.
 
Ricoprì il ruolo di ministro dell'Agricoltura, Industria e Commercio del [[Regno d'Italia (1861-1946)|Regno d'Italia]] nel [[Governo La Marmora I]].
 
Fu fondatore e promotore della Società per l'apertura del [[Canale di Suez]].
 
All'esito dell'istruttoria legislativa (condotta sotto la sua presidenza dell'apposito ufficio centrale del Senato) sui disegni di legge di [[Bonifiche_agrarie_in_Italia#Il_problema_della_malaria|lotta alla malaria]] fu pubblicata la ''Carta della [[malaria]] dell'Italia, illustrata da Luigi Torelli, senatore del Regno''.
 
Il 24 settembre 2011, nell'ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell'[[Unità d'Italia]], il conte Luigi Torelli è stato ricordato con lo scoprimento di un busto e di una formella bronzea nella piazza di Tirano.
 
== La targa a lui intitolata==
[[File:Targa a ricordo del conte Luigi Torelli (1934) anno XII dell'Era fascista, palazzo dei Ciani, Milano.jpg|thumb|La targa a Milano]]
 
All'esterno della Villa di Tirano, suo luogo di nascita, è affissa una targa che recita il presente testo:{{Carica pubblica
|nome = Luigi Torelli
|immagine = ConLuTo.jpg
|monarca = [[Vittorio Emanuele II di Savoia]]
|primoministro = [[Alfonso La Marmora]]
no
|predecessore = [[Giovanni Manna]]
|successore = [[Domenico Berti]]
|legislatura = [[IX legislatura del Regno d'Italia]]
|carica2 = [[Ministri dell'agricoltura e commercio del Regno di Sardegna|Ministro dell'agricoltura e commercio del Regno di Sardegna]]
|incarichi4 =
}}
{{Bio
|Nome = Luigi
|Cognome = Torelli
|Sesso = M
|LuogoNascita = Villa di Tirano
|GiornoMeseNascita = 9 febbraio
|AnnoNascita = 1810
|LuogoMorte = Tirano
|GiornoMeseMorte = 14 novembre
|AnnoMorte = 1887
|Epoca = 1800
|Attività = politico
|Nazionalità = italiano
}}
Fu Ministro dell'agricoltura, industria e commercio.
 
==Biografia==
 
Agli esordi della sua attività pubblica, suo fu il gesto simbolico di issare con onore una grande bandiera tricolore sulla Madonnina del [[Duomo di Milano]], al termine delle [[Cinque giornate]] il 20 marzo 1848.
 
Fu governatore, poi [[prefetto]] di [[Sondrio]] dal 1859 al 9 ottobre 1861. Successivamente venne nominato prefetto di Bergamo, Palermo (durante la cosiddetta ''[[rivolta del sette e mezzo]]''), Pisa e Venezia.
 
Ricoprì il ruolo di ministro dell'Agricoltura, Industria e Commercio del [[Regno d'Italia (1861-1946)|Regno d'Italia]] nel [[Governo La Marmora I]].
 
Fu fondatore e promotore della Società per l'apertura del [[Canale di Suez]].
 
All'esito dell'istruttoria legislativa (condotta sotto la sua presidenza dell'apposito ufficio centrale del Senato) sui disegni di legge di [[Bonifiche_agrarie_in_Italia#Il_problema_della_malaria|lotta alla malaria]]<ref>[http://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg18/file/Problemi_del_territorio.pdf ''I problemi del territorio e il Senato del Regno. La piaga della malaria e l'impegno del sen. Torelli (1880-1884)'', MemoriaWeb - Trimestrale dell'Archivio storico del Senato della Repubblica - n.29 (Nuova Serie), marzo 2020].</ref> fu pubblicata<ref>Stabilimento di Giuseppe Pellas, Firenze, 1882.</ref> la ''Carta della [[malaria]] dell'Italia, illustrata da Luigi Torelli, senatore del Regno''.
 
Il 24 settembre 2011, nell'ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell'[[Unità d'Italia]], il conte Luigi Torelli è stato ricordato con lo scoprimento di un busto e di una formella bronzea nella piazza di Tirano.<ref>{{cita web |url=http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_804785820.html |titolo=Scoprimento della formella bronzea di Luigi Torelli |editore=beniculturali.it |accesso=9 novembre 2011}}</ref>
 
== La targa a lui intitolata==
[[File:Targa a ricordo del conte Luigi Torelli (1934) anno XII dell'Era fascista, palazzo dei Ciani, Milano.jpg|thumb|La targa a Milano]]
 
All'esterno della Villa di Tirano, suo luogo di nascita, è affissa una targa che recita il presente testo:
 
IL CONTE LUIGI TORELLI<br />
NELLE CINQUE GIORNATE FREMENTE D'AUDACIA<br />
La stessa targa è presente anche a Milano nell'incrocio tra Corso Venezia e via Boschetti.
 
{{Collegamenti esterni}}
== Titoli nobiliari ==
'''Nobile''', titolo conferito al padre nel 1816.<br />
'''Conte''', titolo conferito con sovrano motuproprio del 3 agosto 1874.<br />
Nobiltà di servizio.
 
== Onorificenze ==
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 febbraio 1856
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 agosto 1859
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1º giugno 1862
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1865
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1856
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 23 gennaio 1870
Gran cordone dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Ufficiale dell'Ordine dell'Osmaniè (Impero ottomano) 1857
Gran Croce di Francesco Giuseppe I (Austria) 1871
Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) 1877
 
== Note ==
<references/>
==Bibliografia==
 
*Giuseppe Ferraro, Luigi Torrelli, in ''Dizionario biografico degli italiani'', Volume 96, 2019, http://www.treccani.it/enciclopedia/luigi-torelli_%28Dizionario-Biografico%29/.
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto}}
 
== Collegamenti esterni ==
* {{Collegamenti esterni}}
 
{{Box successione
Utente anonimo