Borjomi: differenze tra le versioni

20 byte rimossi ,  1 anno fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
== Storia ==
 
Nel Medioevo , l'area dell'attuale Borjomi faceva parte della provincia di Tori . Era protetta da una serie di forti a guardia del crocevia strategico delle rotte che portavano alle province occidentali, orientali e meridionali della Georgia. Tre importanti fortezze - quelle di "Gogia", "[[Petra (Georgia)|Petra]]Petre" e "Sali" - dominano ancora il paese dalle colline vicine. Dal XVI secolo al XIX, l'area appartenne alla nobile famiglia degli Avalishvili , ma fu in gran parte spopolata a causa delle incursioni ottomane .
 
Dopo l' annessione russa della Georgia , l'area di Borjomi iniziò a rivitalizzarsi. Il toponimo ''Borjomi'' viene registrato per la prima volta negli anni '10 dell'Ottocento. La città ei suoi dintorni furono sottoposti alle autorità militari russe. Borjomi iniziò a ricevere soldati negli anni venti dell'Ottocento. Edifici e bagni iniziarono a sorgere negli anni '30 dell'Ottocento. All'inizio degli anni Quaranta dell'Ottocento, quando il viceré russo del Caucaso Evgenij Golovin portò sua figlia a partecipare alla cura, accelerò il trasferimento ufficiale delle acque dalle autorità militari a quelle civili. Il viceré Mikhail Vorontsov, affascinato dal paesaggio locale e dalle acque minerali, ha fatto di Borjomi la sua residenza estiva e l'ha ristrutturata con nuovi parchi. Il suo clima caldo, le sorgenti di acqua minerale e le foreste resero Borjomi una delle località estive preferite dell'aristocrazia e le diedero il nome popolare di "perla del Caucaso". Negli anni '60 dell'Ottocento furono costruiti nuovi hotel e fu istituita un'amministrazione per le acque minerali. Nel 1871, Borjomi fu conferito al membro della famiglia reale, il granduca Mikhail Nikolayvich , allora viceré del Caucaso. Nel 1890, il figlio di Mikhail, Nikolay , costruì un parco e un castello a Likani, all'estremità occidentale di Borjomi. Le acque minerali in bottiglia iniziarono ad essere ampiamente esportate. La città è cresciuta in modo significativo grazie a dei migranti russi e, nel 1901, il numero di abitanti di etnia russa (2.031) ha superato per la prima volta i georgiani nativi (1.424).
Utente anonimo