Michael Schumacher: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Michael Schumacher inizia la carriera all'età di quattro anni, alla guida di un [[karting|kart]] sul circuito di [[Kerpen]], gestito dal padre. Nel [[1984]] viene contattato da un imprenditore della zona, Jürgen Dilk, rimasto impressionato dal ragazzino, che decide di aiutare economicamente; negli anni seguenti Schumacher vince il titolo ''Junior'', tedesco. Vince il campionato europeo a [[Goteborg]] (Svezia) soprattutto grazie ai due italiani [[Alessandro Zanardi|Zanardi]] e Orsini che escono di gara all'ultima curva dell'ultimo giro: è il primo di una serie di eventi fortunati.
 
Nel [[1988]] passa dai kart alle monoposto. Grazie a Dilk partecipa al campionato di [[Formula Ford]] tedesco e a quello europeo: si piazza rispettivamente sesto e secondo, in quest'ultimo alle spalle di [[Mika Salo]]. Ma nello stesso anno viene aiutato anche da Gustav Hoecker, concessionario del marchio [[Lamborghini]], a gareggiare in ''Formula König'', serie addestrativa che utilizza telai e motori della [[Formula Panda]] italiana: vince nove gare su dieci laureandosi facilmente campione.
 
Il passaggio scontato per Schumacher sarebbe la [[Formula 3 (automobilismo)|Formula 3]], ma Dilk gli fa capire che non può permettersela. Ma nel [[1989]], [[Willi Weber]], proprietario di un team, stupito dalle capacità del giovane Schumacher, decide di fargli siglare un contratto biennale per gareggiare in F3. Schumacher chiude il campionato al secondo posto, battuto di un solo punto da [[Karl Wendlinger]].
61

contributi