Differenze tra le versioni di "Lansoprazolo"

177 byte aggiunti ,  5 mesi fa
+ info, fix fonte
(Non si tratta di uno studio "su larga scala" ma di un solo studio, aggiunte ulteriori info e fonte, sostituita fonte non più reperibile, varie.)
(+ info, fix fonte)
}}
 
Il '''lansoprazolo''' è un [[inibitore della pompa protonica]] (IPP), commercializzato da diverse [[case farmaceutiche]] sia come farmaco originale sia come [[Medicinale equivalente|equivalente]], essendone da tempo scaduto il brevetto.
 
==Indicazioni==
 
==Farmacodinamica==
Gli inibitori della [[pompa protonica]] servono aad inibire la secrezione degli acidi gastrici prodotti in maniera anomala dall'individuo, bloccando il sistema enzimatico idrogeno-potassio adenosintrifosfatasi; pertanto il termine "gastroprotettori", talvolta usato per gli [[Inibitore della pompa protonica|IPP]], è improprio e fuorviante.<ref name="lans_ver">{{cita web|url=https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/lesperto-risponde/assumo-inibitori-di-pompa-protonica-quali-rischi-per-la-mia-salute|titolo=Assumo inibitori di pompa protonica: quali rischi per la mia salute?|data=29 gennaio 2019|accesso=1 aprile 2021}}</ref>
 
==Dosaggi==
* stanchezza.
 
Uno studio pubblicato nel 2016 avanzava l'ipotesi che l'assunzione prolungata di inibitori di pompa protonica negli anziani potesse aumentare il rischio di sviluppare segni progressivi della demenza;<ref>Willy Gomm PhD, Klaus von Holt PhD, Friederike Thomé MSc et al., Association of Proton Pump Inhibitors With Risk of Dementia, A Pharmacoepidemiological Claims Data Analysis, JAMA Neurol. 2016 Apr 1</ref> altri quattro studi successivi hanno però smentito l'ipotesi.<ref>{{cita web|urlname=https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/lesperto-risponde/assumo-inibitori-di-pompa-protonica-quali-rischi-per-la-mia-salute|titolo=Assumo inibitori di pompa protonica: quali rischi per la mia salute?|data=29 gennaio 2019|accesso=1 aprile"lans_ver" 2021}}</ref>
 
L'assunzione prolungata di inibitori della pompa protonica (IPP) può essere associato ad un'alterazione del livello di [[cromogranina A]] (CgA) che in sede di analisi viene utilizzata come marcatore dei tumori neuroendocrini. I livelli di cromogranina A ritornano normali dopo 14 giorni dall'interruzione del trattamento con farmaci IPP.<ref>Korse CM, Muller M, Taal BG: Discontinuation of proton pump inhibitors during assessment of chromogranin. A levels in patients with neuroendocrine tumors</ref><ref>Pregun I, Herszényi L, Juhász M, Miheller P, Hritz I, Patócs A, Rácz K, Tulassay Z. Effect of proton-pump inhibitor therapy on serum chromogranin a level</ref>