Differenze tra le versioni di "Mostro marino dell'HMS Valhalla"

m
nessun oggetto della modifica
m
Il '''mostro marino dell'HMS Valhalla''' è un [[criptide]] osservato da due naturalisti membri di una spedizione scientifica britannica, avvenuto aal largo della foce del fiume [[Paraiba]], in [[Brasile]], nel 1905.
 
==Descrizione==
[[File:FMIB_36451_Sketch_of_Marine_Animal_as_Seen_by_Mr_E_G_B_Meade-Waldo_and_the_Author_Off_the_Coast_of_Brazil.jpeg|right|thumb|Ricostruzione effettuata da Nicoll]]
Insieme alla [[scimmia marina di Steller]], questo è uno dei pochissimi avvistamenti di animali ancora sconosciuti alla scienza chesuffragato si avvalgono delldall'osservazione e delladalla descrizione di affermati naturalisti. La descrizione èfu molto accurata ed elaborata attraversoe lsi basò sull'ossevazioneosservazione con binocoli professionali dell'epoca eper duratauna pernotevole moltodurata di tempo.
[[File:The_auxiliary_steam_yacht_Valhalla_in_1901_by_de_Simone.jpg|thumb|right|Lo Yacht HMS Valhalla]]
L'entomologo Michael J. Nicoll e il naturalista Edmund Meade-Waldo parteciparono alla crociera dello yacht HMS Valhalla, organizzata dal [[James_Lindsay,_XXVI_conte_di_Crawford|Conteconte di Crawford]], diretta inizialmente verso le coste del [[Brasile]] e successivamente verso la circumnavigazione dell'Africa, e ilcon ritorno in Inghilterra passando per il [[canale di Suez]].
Il giorno 7 dicembre 1905, verso le 10.25 A.M., Meade-Waldo fu richiamato all'attenzione di Nicoll, che a poppa della nave stava osservando quelloquella che a circa 90 metri di distanza sembrava la pinna di un grosso pesce. QuelloDopo che fu più chiaro ad un'attenta analisi erasi rivelò una sorta di pinna o balza con i bordi spiegazzati, di color bruno-alga scuro, lunga circa due metri e che affiorava dall'acqua per almeno {{M|70|u=cm}}. Dietro di essa era evidente, sott'acqua, un corpo di dimensioni considerevoli. Impugnati i binocoli, i naturalisti poterono osservare più dettagliatamente una testa e un enorme collo posti davanti alla pinna. Il collo appariva dello spessore di un corpo umano abbastanza snello e simile a quello di un'anguilla, mentre la testa era simile a quella di una tartaruga. Erano visibili anche gli occhi e i lineamenti del muso. Il movimento del collo era peculiare nel dimenarsi da un lato all'altro. Il colore della testa e del collo erano marroni scuri sopra e biancastri sotto. Alcune ore dopo, alcuni marinai osservarono nuovamente una creatura agitarsi appena sotto l'acqua e affermarono che non si trattava sicuramente di un cetaceo, non avendo emesso durante l'osservazione alcuno sbuffo<ref>{{cita|Meade-Waldo & Nicoll, 1906}}</ref>. Diversi anni dopo, Nicoll, ritornando sull'accaduto, dichiarò che, sebbene si sarebbe potuto trattare di quello che comunemente veniva chiamato grande serpente marino, riteneva trattarsi invece di un mammifero marino<ref>{{cita|Nicoll, 1908}}</ref>.
 
==Ulteriori avvistamenti==
19Diciannove anni dopo, il navigatore britannico C.H.Prodgers annotò, nel suo libro ''Avventure in Perù'', che anch'egli osservòaveva osservato la creatura nella stessa località a largo del Brasile, sempre nello stesso anno. Aggiunse che la testa era grande come quella di una mucca ede il corpo grande e rotondo come un barile<ref>{{cita|France, 2017}}</ref>. Una creatura del tutto simile fu protagonista di un altro avvistamento da parte dell'equipaggio della HMS ''Daedalus'' nel 1848 lungo le coste del [[Sudafrica]].
 
==Spiegazioni==
L'osservazione effettuata da due membri della Società Zoologica rende molto difficili spiegazioni alternative che potrebbero ricondurre ada errate osservazioni di animali già noti alla scienza dell'epoca. È verosimile, quindi, che si trattasse di creature soggette a particolari condizioni disagevoli come i cosiddetti ''entanglement'', ovvero aggrovigliamenti a reti da pesca o a enormi banchi di alghe. Heuvelmans, osservando la disposizione della bocca rispetto agli occhi, confuta l'ipotesi di un mammifero, ipotizzando più che fosse un rettile. Matthew A.Bille suggerisce l'appartenenza dell'animale alla famiglia dei [[Congridae|gronghi]]. Altre ipotesi bizzarre sono quelle di pesci spada con dei pesci impalati in punta, calamari giganti, squali balena oppure otarie osservate durantein inconsuete posizioni<ref>{{cita|France, 2017}}</ref><ref>{{cita|http://www.strangemag.com/definitiveseaserpent.html}}</ref>.
 
==Note==