Differenze tra le versioni di "Guiscardo (pirofregata)"

 
Appartenente alla classe Ruggiero di quattro unità con [[scafo]] in [[legno]] e [[carena]] rivestita di [[rame]], la nave era armata con dieci [[cannone|cannoni]] ed aveva [[armo (vela)|armamento velico]] a [[brigantino]] (due [[albero (vela)|alberi]] a [[vela quadra|vele quadre]])<ref name="agenziabozzo">[http://www.agenziabozzo.it/navi_da_guerra/C-Navi%20da%20Guerra/C-2966_RN_Guiscardo_1843_fregata_a_ruote_della_Marina_Borbonica_a_Napoli.htm Navi da guerra | Fregata a ruote Guiscardo 1843 della Marina Borbonica a Napoli<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref><ref name="marinamilitare">[http://www.marina.difesa.it/storiacultura/storia/almanacco/Pagine/EFGHI/guiscardo.aspx Marina Militare<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>. Costata 145.722 [[ducato di Napoli|ducati napoletani]], la fregata, con buona [[velatura|superficie velica]], bordo alto, buona manovrabilità e [[scafo]] snello dalle caratteristiche marine, era nel complesso una buona unità<ref name="agenziabozzo"/>, difettando però in [[velocità]].
 
Dopo l'ultimazione, la ''Guiscardo'', al comando del [[tenente di vascello]] Marselli (comandante ed [[equipaggio]] erano giunti nel [[Regno Unito]] a bordo della fregata ''[[Regina (fregatapirofregata)|Regina]]'') salpò da [[Londra]] e giunse a [[Napoli]] il 6 settembre 1843, entrando immediatamente in servizio<ref name="agenziabozzo"/>, seconda della propria classe. Nei primi tempi la nave venne adibita al [[trasporto]] ed alla scorta della [[famiglia]] reale nei suoi [[viaggio|viaggi]] nel [[Regno delle Due Sicilie]] e nel [[Mediterraneo]]<ref name="agenziabozzo"/>.
 
Nel maggio 1845 la nave scortò la gemella ''[[Tancredi (pirofregata)|Tancredi]]'', che stava trasportando re [[Ferdinando II delle Due Sicilie|Ferdinando II]] a [[Messina]] e [[Siracusa]].
20 962

contributi