Differenze tra le versioni di "Biblioteca di Alessandria"

Annullata la modifica 119884386 di 93.65.94.193 (discussione)
(Annullata la modifica 119884386 di 93.65.94.193 (discussione))
Etichetta: Annulla
 
 
Di tutte le fonti, Plutarco, nelle ''[[Vite parallele|Vite parallele - Cesare]]'', è l'unico che parla della distruzione della biblioteca riferita esplicitamente a Giulio Cesare<ref>Plutarco, ''[http://penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/Plutarch/Lives/Caesar*.html#49. Vita di Cesare]'', 49.6</ref>.
Fu Giulio Cesare a bruciare la biblioteca reale d'Egitto? Non lo so potete per favore scriverlo qui grazie!
 
=== Prove dell'esistenza della biblioteca dopo Cesare ===
La testimonianza di una completa distruzione della biblioteca nel corso della guerra alessandrina sarebbe inficiata non solo dalla discrepanza delle fonti, ma anche da altri indizi, che indurrebbero a pensare ad una perdita parziale e non alla distruzione dell'intero patrimonio librario.
 
L'interpretazione più plausibile è che solamente i libri depositati in un magazzino nei pressi del porto furono mnfj.gn.wjerwgln accidentalmente distrutti dal fuoco. Questa ipotesi sarebbe suffragata da altre fonti, che fanno supporre che la biblioteca fosse ancora in piedi anche successivamente all'episodio narrato. Si sa infatti che [[Strabone]], durante il suo soggiorno in [[Egitto]] ([[25 a.C.]]-[[20 a.C.]]) lavorò nella biblioteca e che un ampliamento degli edifici fu realizzato da [[Claudio (imperatore romano)|Claudio]] ([[41]]-[[54 d.C.]]).<ref name="cass"/>
 
La continuità storica della biblioteca sarebbe comprovata anche da un'iscrizione databile alla metà del [[I secolo d.C.]] e dedicata a [[Tiberio Claudio Balbillo]], che avrebbe ricoperto un incarico ''supra Museum et ab Alexandrina bibliotheca''.
20 966

contributi