Differenze tra le versioni di "Frate Alberto"

m
La novella narra di un uomo di nome Berto della Massa che, avendo una brutta reputazione nella sua città natale (Imola), decise di trasferirsi a Venezia per cambiare la sua identità in modo da poter ricominciare da zero.
 
L'uomo scelse di intraprendere un percorso come frate, conquistando la fiducia dei veneziani e insabbiando i peccati compiuti precedentemente. Durante questo suo cammino non abbandonò però il vizio di compiere atti scorretti, infatti la novella racconta di come frate Alberto utilizzò la menzogna ingannando Madonna Lisetta. Frate Alberto incontrò la donna per la prima volta nel  confessionale nella chiesa di Venezia, in cui egli praticava la sua professione di prete.
 
La vicenda ebbe inizio nel momento in cui la donna andò a confessarsi e frate Alberto la rimproverò della sua eccessiva ostentazione. Egli però, ripensò al suo comportamento e pensò di poter sfruttare la situazione a suo piacimento, inventandosi così la menzogna su cui si basa la novella. Difatti frate Alberto disse a Madonna Lisetta che l'Arcangelo Gabriele andò a rimproverarlo per averla richiamata, e gli confessò di essersi innamorato della donna. Lisetta credette alla sua menzogna e accettò la richiesta dell'Arcangelo, che era in verità il frate, di servirsi del suo corpo.
2 973 236

contributi