Scienza: differenze tra le versioni

11 byte rimossi ,  1 anno fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
Il suo obiettivo è di pervenire a una descrizione verosimile, con carattere [[predizione|predittivo]], della [[realtà]] e delle [[leggi]] che regolano l'apparenza dei [[fenomeno|fenomeni]].
Le discipline scientifiche possono essere suddivise in tre categorie: le [[scienze formali]], le scienze empiriche e le [[Scienza applicata|scienze applicate]]<ref>{{Cita web|url=http://www.treccani.it/enciclopedia/scienza_res-ee443b5f-8bb6-11dc-8e9d-0016357eee51_%28Enciclopedia-Italiana%29/|titolo=Scienza}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://web.archive.org/web/20170423062909/https://pmr.uchicago.edu/sites/pmr.uchicago.edu/files/uploads/BranchesofSciencePresentation.pdf|titolo=Branches|lingua=en}}</ref>. Le prime, di cui fa parte anche la [[matematica]], costruiscono teorie astratte<ref>Esempi di queste teorie sono l'algebra, l'aritmetica, la geometria, la teoria dei gruppi, l'informatica teorica, la teoria dell'informazione o la statistica ({{Cita web|url=https://extrapedia.org/it/ig_scienze_formali|titolo=Scienze formali}})</ref>. Le seconde, a loro volta suddivise in [[scienze naturali]] ([[fisica]], [[chimica]], [[biologia]], [[Scienze della Terra|scienze della terrageologia]]) e [[scienze sociali]], studiano la natura a partire da [[Ricerca empirica|osservazioni empiriche]]. Le terze (es. [[ingegneria]], [[medicina]]), servendosi dei risultati delle prime due, fanno progredire la [[tecnologia]] e l'[[industria]] sviluppando nuovi prodotti e servizi<ref>Esempi di scienze applicate sono l'ingegneria (che applica la matematica,la fisica, la chimica e la biologia per migliorare la tecnologia),la medicina (che applica soprattutto la chimica e la biologia) e la farmacologia. Tutte le scienze applicate hanno comunque come fine ultimo quello di migliorare le condizioni di vita dell'uomo.</ref>. Si tratta comunque di categorie strettamente interconnesse.<ref>Le teorie astratte realizzate dalla matematica sono ad esempio fondamentali per lo sviluppo di tutte le scienze. Gli studi condotti dalle scienze empiriche hanno spesso fornito nuove idee fondamentali per il progresso delle scienze formali (si pensi ad esempio al calcolo infinitesimale sviluppato da Newton nel corso dei suo studi fisici e diventato poi centrale in molti campi della matematica) e sono centrali nello sviluppo di quelle applicate. I prodotti sviluppati dall'ingegneria vengono ampiamente utilizzati nello sviluppo delle scienze empiriche e formali ({{Cita web|url=http://w3.lnf.infn.it/levoluzione-parallela-fisica-matematica/|titolo=Fisica e matematica}}), si pensi ad esempio all'importanza dell'ingegneria elettronica e dell'informatica nello sviluppo di tutte le apparecchiature sperimentali utilizzate oggi nelle scienze empiriche o all'importanza dell'uso dei computer in alcuni campi della matematica o della statistica ({{Cita web|url=https://www.festascienzafilosofia.it/2017/04/scienza-e-tecnologia/|titolo=Scienza e tecnologia}})</ref>
 
L'insegnamento della scienza e la ricerca scientifica vengono praticati prevalentemente nelle [[università]], negli [[Istituto di ricerca|istituti di ricerca]] e nelle [[impresa|imprese]]<ref>Per indicare quella parte di un'impresa dedicata alla ricerca si utilizza spesso il termine "ricerca e sviluppo" ({{Cita web|url=http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca-e-sviluppo_%28Dizionario-di-Economia-e-Finanza%29/|titolo=Economia e Finanza, R&S}})</ref>. Vengono detti [[scienziato|scienziati]] tutti coloro che si dedicano alla ricerca di nuove conoscenze utilizzando metodi scientifici.
Utente anonimo