Sovereign of the Seas (1637): differenze tra le versioni

Miglioramento; aggiunta di informazioni con relative fonti bibliografiche.
(Miglioramento; aggiunta di informazioni con relative fonti bibliografiche.)
Etichette: Modifica visuale Modifica da mobile Modifica da web per mobile
{{Infobox nave
|Categoria = nave a vela militare
|Nome = ''Sovereign of the Seas''
|Immagine = Sovereign of the Seas.jpg
|Didascalia = incisione contemporanea di J.Payne
|Bandiera = English Red Ensign 1620.svg
|Bandiera2 =
|Bandiera3 =
|Bandiera4 =
|Bandiera5 =
|Tipo = [[vascello]] di prima classe
|Classe = <!-- solo per le singole unità -->
|In_servizio_con = <!-- {{Insegna navale|...|icona}} -->
|Società_armatrice = <!-- solo per le unità mercantili -->
|Proprietario =
|Registro_navale = <!-- solo per le unità mercantili -->
|Porto_di_registrazione = <!-- solo per le unità mercantili -->
|Identificazione =
|Rotta =
|Ordine =
|Costruttori = Peter Pett
|Cantiere = Woolwich Dockyard, [[Londra]]
|Impostazione =
|Varo = 16 ottobre 1637
|Padrino =
|Madrina =
|Battesimo =
|Completamento =
|Costo_originale =
|Consegna =
|Viaggio_inaugurale =
|Entrata_in_servizio = 1638
|Ammodernamento = 1651 e ribattezzata ''Sovereign''<br />1685 e ribattezzata ''Royal Sovereign''
|Cattura =
|Nomi_precedenti =
|Fuori_servizio =
|Disarmo =
|Radiazione =
|Destino_finale = bruciata nel 1696
|Stato =
|Onori_di_battaglia = Partecipò alle battaglie del Kentish Knock, di Beachy Head e della Hogue
|Dislocamento =1480 1480
|Stazza_lorda =
|Portata_lorda =
|Lunghezza = 56 (70 dalla spalliera alla polena)
|Larghezza = 14,17
|Altezza =
|Pescaggio = 7,18
|Propulsione = tre alberi a vele quadre
|Velocità =
|Velocità_km =
|Autonomia =
|Numero_dei_ponti =
|Capacità_di_carico =
|Numero_di_cabine = <!-- solo per le navi passeggeri -->
|Equipaggio = 800 o 600<ref name=":0">{{Cita libro|titolo=Conoscere ieri oggi domani 1|anno=1976|editore=[[Fratelli Fabbri Editori]]|p=8}}</ref>
|Equipaggio =800
|Passeggeri = <!-- solo per le navi passeggeri -->
|Armamento = da 90 a 102 cannoni o 112 cannoni<ref name=":0">{{Cita libro|titolo=Conoscere ieri oggi domani 1|anno=1976|editore=[[Fratelli Fabbri Editori]]|p=8}}</ref>
|Armamento= da 90 a 102 cannoni
|Mezzi_aerei =
|Armamento_velico =
|Motto =
|Soprannome =
|Note =
|Ref =
}}
 
La o il<ref name=":0">{{Cita libro|titolo=Conoscere ieri oggi domani 1|anno=1976|editore=[[Fratelli Fabbri Editori]]|p=8}}</ref> '''''Sovereign of the Seas''''' ("Sovrana dei mari") era una nave da guerra della [[Royal Navy]] voluta dal re [[Carlo I d'Inghilterra]] e rimase in servizio dal [[1638]] al [[1696 (1637)|1696]]. Era la nave più imponente e pesante mai costruita e la prima della storia munita di cento112 cannoni<ref name=":0">{{Cita libro|titolo=Conoscere ieri oggi domani 1|anno=1976|editore=[[Fratelli Fabbri Editori]]|p=8}}</ref>.
 
== Costruzione ==
La ''Sovereign of the Seas'' fu varata nei cantieri di [[Woolwich]] il 13 ottobre 1637. Era il secondo vascello a tre ponti (il primo era stato il ''Prince Royal''), benché fosse in realtà ispirata al [[galeone]] ''Revenge'' del [[1577]] l'idea di un ponte interamente dedicato ai cannoni.
 
La ''Sovereign of the Seas'' aveva 118 [[Sabordo|sabordi]] ma solo 102 cannoni di bronzo, numero esplicitamente richiesto da Carlo I<ref name="sito dei national Archives">[http://webarchive.nationalarchives.gov.uk/+/http://www.royalnavy.mod.uk/About-the-Royal-Navy/Organisation/Life-in-the-Royal-Navy/History/Historic-Ships/Sovereign-of-the-Seas-1638 sito dei national Archives]</ref>. Nel [[1642]] tale armamento fu ridotto a 90 cannoni.<ref name="Lavery, SoLv1 p163" />.
 
Era munita di 11 ancore di cui una pesava 4400 [[Libbra|libbre]] (1997,600 kg).<ref name=":0">{{Cita libro|titolo=Conoscere ieri oggi domani 1|anno=1976|editore=[[Fratelli Fabbri Editori]]|p=8}}</ref>
 
La ''Sovereign of the Seas'' era la nave più riccamente ornata della Royal Navy, completamente ricoperta da poppa a prua da decorazioni scolpite nel legno e dipinte in oro (solo le insegne Reali erano ricoperte d'oro zecchino) che risaltavano sul fondo nero, eseguite su disegno di [[Anthony van Dyck]] in stile barocco.