Differenze tra le versioni di "Strade romane"

(Annullata la modifica 119807566 di 93.47.220.225 (discussione) Si trova a 4 miglia da Genova ma non su una strada romana antica)
Etichetta: Annulla
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Annullato
{{Citazione|I Romani posero ogni cura in tre cose soprattutto, che dai Greci furono trascurate, cioè nell'aprire le strade, nel costruire acquedotti e nel disporre nel sottosuolo le cloache|[[Strabone]], ''[[Geografia (Strabone)|Geografia]]''<ref>Strabone, ''Geografia'', [http://penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/Strabo/5C*.html#ref211 V, 3.8], (traduzione inglese su [[LacusCurtius]]).</ref>}}
 
Quando Roma iniziò la sua opera di conquista e di unificazione dell'Italia le vie di comunicazione esistenti erano ancora i modesti percorsi seguiti dal commercio e dalla pastorizia, resi difficoltosi dalla natura accidentata del terreno, che non favoriva la coesione territoriale tra i vari popoli che abitavano la penisola, ed anzi accentuavano le rivalità politichepolitihe e commerciali fra le varie città.
 
I Romani compresero che una viabilità efficiente era uno strumento imprescindibile per la loro espansione territoriale e, una volta consolidato il loro dominio, una condizione necessaria per il suo mantenimento. Un sistema stradale efficiente garantiva infatti la rapidità dei movimenti delle legioni e la celerità delle comunicazioni fra Roma e il resto dell'impero. Una volta assicurata la pace, le strade diventavano strumento di traffici e di relazioni fra città e popoli e attraverso il sistema viario si svilupparono le reciproche influenze culturali ed economiche tra Roma e le più lontane regioni del bacino del Mediterraneo.<ref name=TCI2>[[Touring Club Italiano]], Arte e civiltà nell’Italia antica, Milano, 1960</ref>