Differenze tra le versioni di "Sigvatr Þórðarson"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  4 mesi fa
Ortografia
m (fixTmpl)
(Ortografia)
 
 
=== Carriera ===
Sigvatr crebbe presso un certo Thorkell, ad Apavatn. Suo padre infatti risiedeva stabilmente in Norvegia e la cura del figlio era stata affidata ad altre persone. Quando Sigvatr divenne più maturo, si imbarcò e andò a [[Trondheim]], riunendosi con il padre. Sembra che non abbia più fatto ritorno in Islanda. A Trondheim entrò nella corte di [[Olaf II di Norvegia|Olaf II]] e secondo [[Snorri Sturluson|Snorri]] in questo periodo recitò le prime strofe sciolte (''lausavísur'') e intercedette presso il re per diminuire le tasse che i mercanti islandesi dovevano pagare all'approdo in Norvegia. Snorri Sturluson riferisce che quando Sigvatr arrivò alla corte di Olaf volle rendergli omaggio recitando le proprie strofe, ma poiché il re non voleva ascoltare versi su di e che appartenevano alla tradizione pagana<ref>Koch 1984, p,147</ref><ref>Chiesa Isnardi 2015, p. 303
</ref>, glielo proibì. Sivatr però insistette e alla fine recitò i suoi versi, riscuotendo l'apprezzamento del re. Ecco il ''lausavísa'' di quell'occasione:
 
azzurrocupe, perché io so comporre,
 
un poeta tu devi averoavere; pure
 
se le rime di tutti gli altri scaldi