Differenze tra le versioni di "Maya Angelou"

nessun oggetto della modifica
(Correzione secondo nome.)
 
 
==Biografia==
[[Ragazza madre]] a diciassette anni, Angelou ha svolto i lavori più diversi, tra cui la tranviera, la cameriera, la cuoca, la mezzana, la prostituta, la spogliarellista, la ballerina, la cantante; ha fatto parte del cast dell'opera di [[George Gershwin]] ''[[Porgy and Bess]]'', la giornalista in [[Egitto]] e l'insegnante nel [[Ghana]] durante il periodo della [[decolonizzazione]], la coordinatrice dell'associazione per i diritti civili [[Southern Christian Leadership Conference]], la compositrice, la scrittrice, l'attrice, l'autrice, regista e produttrice di drammi teatrali e programmi televisivi. Dal [[1982]] è stata docente alla [[Wake Forest University]] di [[Winston-Salem]], nella [[Carolina del Nord]], di cui detiene la cattedra Reynolds di primo professore a vita in studi americani. Attiva nel movimento per i diritti civili, ha lavorato a fianco di [[Malcolm X]], conosciuto nel Ghana, e, dopo il suo assassinio, con [[Martin Luther King, Jr.|Martin Luther King, Jr]][[Martin Luther King, Jr.|.]] Dagli [[anni 1990|anni novanta]] ha partecipato a circa ottanta conferenze l'anno, attività che ha continuato a svolgere anche da ottantenne. Nel [[1993]] Maya Angelou ha declamato la sua poesia «On the Pulse of Morning» alla cerimonia di insediamento alla presidenza di [[Bill Clinton]], in questo risultando il primo poeta a recitare un proprio testo all'inaugurazione presidenziale dai tempi in cui, nel [[1961]], [[Robert Frost]] lesse i propri versi durante l'insediamento di [[John F. Kennedy]].
 
Con ''Il canto del silenzio'', Maya Angelou ha messo in piazza aspetti della propria vita privata, con una efficacia che l'ha portata ad esser ritenuta una portavoce sia delle istanze della popolazione [[afroamericana]] che delle donne nere, al punto che le sue opere vengono considerate un baluardo della cultura afroamericana. Benché vi siano stati tentativi di bandire i suoi libri in alcune biblioteche statunitensi, le sue opere sono ampiamente studiate nelle scuole e negli atenei anche fuori degli [[Stati Uniti]]. Le opere più importanti di Angelou sono state etichettate come [[romanzo autobiografico|romanzi autobiografici]], ma molti critici le considerano delle vere e proprie autobiografie. Maya Angelou ha compiuto un deliberato tentativo di opporsi alla struttura tipica dell'autobiografia, attraverso una messa in discussione, una rielaborazione e un accrescimento di questo genere letterario. I suoi libri sono incentrati su temi come il [[razzismo]], l'[[identità (scienze sociali)|identità]], la [[famiglia]] e i viaggi. Nota soprattutto per le sue autobiografie, Angelou è anche una poetessa affermata. Riguardo alla poesia, la critica è divisa tra coloro che ritengono di poco conto i suoi versi e coloro che ritengono che i criteri tipici adottati nell'interpretazione stilistica della sua opera poetica siano inadeguati a valutarla, nella misura in cui la sua poesia si riallaccia in modo originale alla tradizione orale afroamericana di oratori quali [[Frederick Douglass]], Martin Luther King, Jr. e Malcolm X. Di fatto, un'ampia attenzione critica alla sua opera in versi è cominciata solo a partire dalla coinvolgente lettura di «On the Pulse of Morning» del 1993 durante l'insediamento del presidente Clinton, nonostante, fin dal [[1971]], abbia prodotto numerosi volumi di poesia con riscontro di vendite pari a quello delle autobiografie.
90 510

contributi