Differenze tra le versioni di "Movimento per i diritti civili degli afroamericani"

nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 80.104.216.21 (discussione), riportata alla versione precedente di Mastrocom)
Etichetta: Rollback
Importanti traguardi raggiunti grazie a questi movimenti includono il disegno di legge ''[[Civil Rights Act (1964)|Civil Rights Act]]'' del 1964,<ref name="cra64">{{Cita web |url=http://finduslaw.com/civil_rights_act_of_1964_cra_title_vii_equal_employment_opportunities_42_us_code_chapter_21 |titolo=Civil Rights Act of 1964 |accesso=8 dicembre 2015 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20101021141154/http://finduslaw.com/civil_rights_act_of_1964_cra_title_vii_equal_employment_opportunities_42_us_code_chapter_21 |dataarchivio=21 ottobre 2010 |urlmorto=sì }}</ref> che vietò la discriminazione basata sulla razza, il colore della pelle, la religione, il sesso o le origini in ogni pratica di lavoro, per non parlare della fine della diseguale registrazione degli elettori e della segregazione nelle scuole, sul posto di lavoro e nelle aree pubbliche. L'anno seguente, nel 1965, fu approvato il ''[[Voting Rights Act]]'', che restaurò la tutela del diritto di voto esteso a tutti i cittadini americani; dello stesso anno sono anche la legge sull'immigrazione, che ha aperto un ingente flusso di immigrati provenienti da diverse aree del Nord Europa e il ''[[Civil Rights Act (1968)|Fair Housing Act]]'' del 1968 che vietò la discriminazione nella vendita o la locazione di abitazioni.
 
Nonostante tali movimenti si siano registrati prevalentemente nel Sud, le proteste ispirarono i giovani di tutti gli Stati Uniti e del resto del mondo, guidando molte associazioni europee alle rivolte degli anni Sessanta. Molte rappresentazioni popolari del movimento sono incentrate sulla leadership e sulle predicazioni di [[Martin Luther King|Martin Luther King, Jr.]], che vinse il [[Premio Nobel per la pace|Premio Nobel per la Pace]] nel 1964 per il suo ruolo nel movimento e fu una guida ed una fonte di ispirazione per molti altri leader a venire.<ref name="history.msu.edu">[http://history.msu.edu/files/2010/04/Timothy-Tyson.pdf Timothy B. Tyson, "Robert F. Williams, 'Black Power,' and the Roots of the African American Freedom Struggle," ''Journal of American History'' 85, No. 2 (Sep., 1998): 540–570]</ref>
 
== Antefatti ==
90 277

contributi