Differenze tra le versioni di "Ignavi"

3 byte aggiunti ,  4 mesi fa
→‎Lessico dantesco: corretto espressione priva di senso
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Lessico dantesco: corretto espressione priva di senso)
 
Questi peccatori sono coloro che durante la loro vita non hanno mai agito né nel [[bene (filosofia)|bene]] né nel [[male]], senza mai osare avere un'idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre a quella del più forte. Tra essi sono inseriti anche gli [[Angelo|angeli]] che non si schierarono nella battaglia che [[Lucifero]] perse contro [[Dio]].
 
[[Dante]] li inserisce qui perché li reputa indegni di meritare sia le gioie del ''[[Paradiso]]'', sia le pene dell'''[[Inferno]]'', a causa proprio del loro non essersi schierati né a favore del bene, né a favore del male. Sono costretti a girare nudi per l'eternità inseguendo una insegna – che corre velocissima e gira su se stessa – punti e feriti da [[Vespidae|vespe]] e mosconi. Il loro sangue, mescolato alle loro lacrime, viene succhiato da fastidiosi [[vermi]]. Gli ignavi sono quindi statirimasti fermiinerti nella vita per le loro scelte. Qui c’è la cosiddetta Legge del Contrappasso.
 
Dante definisce queste anime come quelle di peccatori "che mai non fur vivi". Il disprezzo del poeta verso questa categoria di peccatori è massimo e completo. Tanto accanimento si spiega, dal punto di vista teologico, perché la scelta fra Bene e Male deve obbligatoriamente essere fatta. Dal punto di vista sociale, inoltre, nel [[Medioevo]] lo schieramento politico e la vita attiva all'interno del [[Comune]] erano quasi sempre considerate tappe fondamentali ed inevitabili nella vita di un [[cittadino]]. Se l'[[uomo]] è un essere sociale, chi si sottrae ai suoi doveri verso la società non è degno, secondo la riflessione dantesca, di alcuna considerazione.
Utente anonimo