Differenze tra le versioni di "Storia del L.R. Vicenza"

m
 
Sin dalle sue radici più antiche, il gioco del calcio a [[Vicenza]] è sempre stato un fenomeno popolare. Come testimonia ad esempio l'editto in pietra in cui il podestà di [[Venezia]] vietava espressamente di praticarlo in quanto gli schiamazzi disturbavano la quiete del vicino convento di suore. Il club nasce la domenica del 9 marzo 1902 sotto la guida del suo primo presidente, il professor [[Tito Buy]]. Tempi romantici, entrati nel mito, dove lo spirito pionieristico e la passione dei protagonisti prevaleva su ogni altra considerazione extrasportiva. Composta da giocatori tutti rigorosamente locali e capitanata dalla sua prima bandiera, [[Gino Vallesella]], conclude il suo primo [[Anni 1900|decennio]] di vita sfiorando il titolo nazionale contro la [[Football Club Pro Vercelli 1892|Pro Vercelli]].
[[File:Il Vicenza vicecampione d'Italia che sfidò la Pro Vercelli nella doppia finale scudetto 1910-1911.png|thumb|Il [[L.R. Vicenza|Vicenza]] vicecampione d'Italia che sfidò la [[Football Club Pro Vercelli 1892|Pro Vercelli]] nella [[Prima Categoria 1910-1911|doppia finale scudetto 1910-1911]].]]
[[File:05-03-1911 BOLOGNA-VICENZA 0-4.jpg|thumb|[[Bologna Football Club 1909|Bologna]]-Vicenza (0-4) del 12 febbraio 1911, esordio assoluto dei biancorossi nel campionato italiano.]]
 
Per quasi un [[Anni 1900|decennio]] la squadra, denominata allora ''Associazione del Calcio in Vicenza'', disputò solo tornei di carattere minore, senza mai partecipare al [[campionato di calcio italiano|campionato nazionale]], distinguendosi comunque e prevalendo sulle rivali in vari campionati regionali<ref name="Sito ufficiale – Storia"/>. Nel 1909 partecipò al [[Campionato Italiano di Prima Categoria 1909|Campionato italiano di Prima Categoria]], uno dei due tornei (l'altro era il ''[[Campionato Federale di Prima Categoria 1909|federale]]'', l'unico attualmente riconosciuto dalla FIGC) in cui era suddivisa [[Prima Categoria|la massima serie dell'epoca]]: ammessa direttamente in semifinale in quanto unica compagine veneta iscritta, nelle due partite contro l'US Milanese dovette incassare ben 10 reti contro solo 1 segnata (1-2 a Vicenza e 0-8 a Milano), dimostrando di non essere ancora matura per il calcio nazionale.
643

contributi