Differenze tra le versioni di "(196256) 2003 EH1"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 mesi fa
m
+fix incipit
m (IndyJr ha spostato la pagina 196256 2003 EH1 a (196256) 2003 EH1 tramite redirect: Nomenclatura corretta per gli asteroidi con designazione provvisoria)
m (+fix incipit)
{{Titolo errato|{{DP|196256 |2003 EH|1}}}}
{{Corpo celeste
|tipo=Asteroide
|magn_ass=16,2
}}
'''196256 {{DP|196256|2003 EH|1}}''' è un [[asteroide]] classificato come [[oggetto near-Earth]] e facente parte del [[Asteroide Amor|gruppo Amor]]. Scoperto il marzo 2003 dagli astronomi del programma [[Lowell Observatory Near-Earth-Object Search|LONEOS]] presso la [[Anderson Mesa Station]], un osservatorio astronomico sito vicino a [[Flagstaff (Arizona)|Flagstaff]], in [[Arizona]], l'asteroide è stato proposto da [[Peter Jenniskens]] come [[corpo progenitore]] dello [[sciame meteorico]] delle [[Quadrantidi]], visibile ogni anno nel mese di gennaio.<ref name="Ball">{{Cita web|cognome=Ball|nome=Phillip|url=http://www.nature.com/news/2003/031231/full/news031229-5.html|titolo= Dead comet spawned New Year meteors|editore=[[Nature]]|data=31 dicembre 2003|accesso=5 aprile 2021}}</ref><ref name=Jenniskens2004>{{cita pubblicazione |cognome=Jenniskens |nome=Peter |titolo=2003 EH1 Is the Quadrantid Shower Parent Comet|rivista=The Astronomical Journal |volume=127 |numero=5 |pp=3018-3022 |anno=2004 |doi=10.1086/383213|bibcode = 2004AJ....127.3018J}}</ref><ref name="Kasuga2015">{{cita pubblicazione| titolo=Physical Observations of (196256) 2003 EH1, Presumed Parent of the Quadrantid Meteoroid Stream | cognome=Kasuga | nome=Toshihiro | cognome2=Jewitt | nome2=David | rivista=The Astronomical Journal | volume=150 | numero=5 | p=152 | anno=2015 | arxiv=1509.03361 | bibcode=2015AJ....150..152K | doi=10.1088/0004-6256/150/5/152}}</ref> È stata suggerita anche una connessione tra 196256 {{DP|2003 EH|1}} e la cometa [[C/1490 Y1]], osservata per la prima volta nel 1490 da parte di astronomi cinesi, giapponesi e coreani, la quale si sarebbe disintegrata circa un secolo dopo la sua scoperta,<ref name="c1490">{{Cita pubblicazione|titolo=Orbital Elements of Comet C/1490 Y1 and the Quadrantid shower|anno=2009|doi=10.1111/j.1365-2966.2009.15535.x|editore=Cornell University Library|nome=Ki-Won|cognome=Lee|nome2=Hong-Jin|cognome2=Yang|nome3=Myeong-Gu|cognome3=Park|rivista=Monthly Notices of the Royal Astronomical Society|volume=400|numero=3|pp=1389-1393|arxiv=0908.2547|bibcode=2009MNRAS.400.1389L}}</ref> trasformandosi nel suddetto asteroide che sarebbe quindi un esempio di [[cometa estinta]].<ref name="c2003">{{Cita libro|capitolo=Are Asteroid 2003 EH1 and Comet C/1490 Y1 Dynamically Related?|anno=2005|editore=Springer|nome=Iwan P. |cognome=Williams|nome2=G. O. |cognome2=Ryabova|nome3=A. P. |cognome3=Baturin|nome4=M.|cognome4=Chernitsov|url=https://link.springer.com/chapter/10.1007/1-4020-5075-5_2|accesso=8 aprile 2021|titolo=Modern Meteor Science An Interdisciplinary View|curatore=Hawkes R.|curatore2= Mann I.|curatore3=Brown P.}}</ref>
[[image:Орбита астероида 196256 2003 EH1.gif|thumb|320px|L'orbita di 196256 {{DP|2003 EH|1}}.]]
 
27 026

contributi