Penisola di Doberai: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Aggiungo template {{interprogetto}} (FAQ))
Nessun oggetto della modifica
{{Regione geografica
{{S|Indonesia}}
|nomeTerritorio = Vogelkop
{{coord|1|30|S|132|30|E|display=title}}
|nomeUfficiale = ''Semenanjung Doberai''
[[File:Birds Head Peninsula NASA.jpg|thumb|Immagine satellitare della penisola di Doberai]]
|panorama = BirdsHeadPeninsula Topo.jpg
La '''penisola di Doberai''', nota anche come '''penisola di Vogelkop''' (in [[lingua inglese|inglese]]: ''Bird's Head Peninsula'', in [[lingua indonesiana|indonesiano]] : ''Kepala Burung''), è una [[penisola]] ubicata nella propaggine nord-occidentale della [[Nuova Guinea]].
|didascalia = Le penisole del Vogelkop e di [[Penisola di Bomberai|Bomberai]] (Papua Occidentale, Nuova Guinea)
|linkBandiera =
|paginaBandiera =
|linkStemma =
|paginaStemma =
|stato = IDN
|stato2 =
|altriStati =
|capoluogo =
|regione =
|regione_spec =
|regione2 =
|regione2_spec =
|altreRegioni =
|territorio =
|superficie = 55604
|abitanti =
|anno =
|densità =
|lingue =
|fusi =
|nomeAbitanti =
|linkMappa =
|noteMappa =
|codiceMappa =
|lat =
|long =
|sito =
}}
[[File:Birds Head Peninsula NASA.jpg|thumb|ImmagineVeduta satellitare della penisola di Doberaidell'isola.]]
Il '''Vogelkop''' (noto anche come ''penisola del Vogelkop'' o ''di Doberai''; in [[Lingua malese|indonesiano]]: ''Semenanjung Kepala Burung'' o ''Semenanjung Doberai''; in [[Lingua inglese|inglese]]: ''Bird's Head Peninsula'') è una penisola situata nella parte nord-occidentale della [[Nuova Guinea]], nella provincia [[indonesia]]na di [[Papua Occidentale|Papua Barat]]. In passato faceva parte della Nuova Guinea olandese e pertanto prese il nome [[Lingua olandese|olandese]] di ''Vogelkop'' o ''Vogelkopf'', cioè «testa di uccello»; il nome si deve al fatto che la forma della Nuova Guinea ricorda un po' quella di un uccello appollaiato: in tale prospettiva, il Vogelkop indica proprio la testa dell'animale.
 
== Geografia ==
Fa parte della provincia [[indonesia]]na di [[Papua Occidentale]].
[[File:Pegunungan Arfak from the Pond of Rendani.jpg|thumb|left|I monti Arfak, nel nord-est della penisola.]]
L'angolo sud-orientale della penisola, che si affaccia sulla [[baia di Cenderawasih]] (nota in passato come ''baia di Geelvink''), fa parte del [[Teluk Cenderawasih|parco nazionale di Teluk Cenderawasih]]. Mentre le regioni costiere della parte sud-occidentale sono pianeggianti e ricoperte da paludi umide, l'intera parte settentrionale è montuosa. I monti Tamrau, a nord-ovest, sono separati dai [[monti Arfak]], a nord-est, dalla valle di Kebar. Questi ultimi culminano con il Gunung Mebo (noto in passato come ''Vogelkop''), una montagna di 2939 m, il punto più alto della penisola<ref name="Atlas">''Der große Weltatlas.'' Millenium House, 2009, ISBN 978-1-921209-31-4.</ref>. Al centro della penisola del Vogelkop vi è una [[Carsismo|formazione carsica]], l'altopiano di Ayamaru, con i laghi omonimi.
 
Le località più importanti sono [[Manokwari]] a nord, [[Sorong]] a ovest, [[Bintuni]] e Ransiki. Vicino a Sorong e Bintuni vi sono giacimenti di [[petrolio]].
La penisola si affaccia ad est sulla [[baia di Cenderawasih]] e a sud sulla [[baia di Bintuni]].
 
La [[baia di Bintuni]], che delimita a sud la penisola, ospita la [[Mangrovia|palude di mangrovie]] più vasta del mondo, con una superficie di 4352 km²<ref>J. Sihite, N. Lense, R. Suratri, C. Gustiar e S. Kosamah: {{cita web | url=http://www.coraltrianglecenter.org/downloads/Bintuni_english_screen.pdf | titolo=Bintuni bay nature reserve management plan, Irian Jaya Barat Province, 2006–2030}} Manokwari 2005, S. 27. vgl. [[Sundarbans]]</ref>. Dal 2005 al 2009, sotto la direzione della [[BP (azienda)|BP]], venne portato avanti il progetto ''Tangguh'' per produrre 7,6 milioni di tonnellate<ref>{{cita web | url=https://web.archive.org/web/20110608132719/http://www.bp.com/genericarticle.do?categoryId=2012968&contentId=7054378 | titolo=First Cargo From Indonesia's Tangguh LNG Project | data=6 luglio 2009 | sito=www-bp.com}}</ref> di [[gas naturale liquefatto]] con un investimento di 3 miliardi di dollari<ref>{{cita web | url=https://web.archive.org/web/20090306190011/http://www.adb.org/Documents/Environment/Ino/ino-tangguh-lng-project.pdf | titolo=Summary Environmental Impact Assessment. Tangguh LNG Project in Indonesia | anno=2005}}</ref>. La baia di Bintuni si allarga verso il [[mare di Ceram]] nel [[golfo di Berau]]. A sud di essa si trova la [[penisola di Bomberai]]<ref name="Atlas"/>.
 
[[File:Panorama of the Kebar Valley.jpg|thumb|center|1000px|La valle di Kebartal con i monti Tamrau sullo sfondo.]]
 
== Flora e fauna ==
La penisola del Vogelkop è ricoperta, al di sopra dei 1000 m, da foreste pluviali di montagna, che ricoprono in tutto una superficie di oltre 22.000 km². Sono molte le specie animali [[Endemismo|endemiche]] delle montagne della regione, come la farfalla ''[[Ornithoptera rothschildi]]'', il [[Pseudochirulus schlegeli|coda ad anello di Schlegel]], un marsupiale, e una specie di ratto lanoso del genere ''[[Mallomys]]'' non ancora descritta ufficialmente<ref>{{cita libro | curatore=Don E. Wilson e DeeAnn M. Reeder | capitolo=Mallomys | titolo=Mammal Species of the World. A taxonomic and geographic Reference | editore=Johns Hopkins University Press | città=Baltimora | anno=2005 | isbn=0-8018-8221-4 | url=https://www.departments.bucknell.edu/biology/resources/msw3/browse.asp?s=y&id=13001450}}</ref>.
 
Sono più di 300 le specie di uccelli che abitano la penisola, di cui almeno 20 [[Endemismo|endemiche]] di queste foreste, come il [[Lonchura vana|cappuccino dell'Arfak]], il [[Amblyornis inornata|giardiniere del Vogelkop]] e la [[Cicinnurus regius|paradisea reale]]<ref>{{cita web | url=http://wwf.panda.org/what_we_do/where_we_work/new_guinea_forests/conservation_new_guinea_forests/sites_new_guinea_forests/papua_new_guinea_bird_head_peninsula | sito=WWF |titolo=Bird wonders of New Guinea’s western-most province | accesso=14 luglio 2015}}</ref>.
 
Nella penisola del Vogelkop (compresa la penisola di Bomberai e le isole al largo) vivono 24 specie endemiche di [[Melanotaeniidae|pesci arcobaleno]] (''[[Melanotaenia]]''), molte delle quali diffuse nelle aree carsiche, come il [[Melanotaenia boesemani|pesce arcobaleno arlecchino]]<ref>{{cita pubblicazione | autore=M. F. I. Nugraha, Kadarusman, N. Hubert, J. C. Avarre, R. K. Hadiaty, J. Slembrouck, O. Carman, T. Sudarto, R. Ogistira e L. Pouyaud | titolo=Eight new species of Rainbowfishes (Melanotaeniidae) from the Birds Head Region, West Papua, Indonesia | rivista=Cybium | volume=39 | numero=2 | anno=2015 | pp=99-130}}</ref>.
 
== Lingue ==
[[File:TNG map.svg|thumb|left|Distribuzione delle lingue trans-Nuova Guinea.]]
Nella penisola del Vogelkop vengono parlate tradizionalmente sia [[lingue austronesiane]] che [[Lingue papuasiche|papuasiche]], ma la stragrande maggioranza degli abitanti parla lingue appartenenti a quest'ultimo gruppo. Se contiamo anche il gruppo insulare di [[Isole Raja Ampat|Raja Ampat]] (in [[Lingua italiana|italiano]] «Quattro Re») e l'isola al largo di Meoswar (o ''Waar''), nel Vogelkop si parlano oltre 30 lingue diverse<ref>{{cita web | url=http://www.papuaweb.org/gb/peta/pl/w-irja-700.jpg | titolo=Western Irian Jaya | sito=Pacific Linguistics | città=Canberra}}</ref><ref>{{cita web | url=http://www.papuaweb.org/gb/peta/sil/irja-nw.jpg | titolo=Indonesia - Northwestern Irian Jaya | editore=SIL Internationa | città=Dallas | anno=2004}}</ref>. La distribuzione geografica delle lingue (come altrove in Nuova Guinea) riflette le diverse ondate di insediamento sull'isola: quando i navigatori austronesiani raggiunsero la Nuova Guinea 3000-4000 anni fa<ref>{{cita libro | autore=Ger Reesink | capitolo=West Papuan languages: roots and development | curatore=Andrew Pawley | titolo=Papuan pasts: cultural, linguistic and biological histories of Papuan-speaking peoples | editore=Pacific Linguistics | città=Canberra | anno=2005 | isbn=0-85883-562-2 | p=185}}</ref>, l'entroterra dell'isola era già abitato da popolazioni di lingua papuasica. I nuovi arrivati, invece, si stabilirono principalmente sulle coste e sulle isole al largo.
 
Tra le lingue austronesiane della penisola del Vogelkop vi sono quelle parlate sulle isole Raja Ampat (compresa la lingua as, diffusa sulla costa nord-occidentale, a est di Sorong<ref>{{cita web | url=http://www.ethnologue.com/show_language.asp?code=asz | titolo=The Ethnologue: As | accesso=22 gennaio 2011}}</ref>), il wandamen, parlato a sud-est sul «collo» della Testa di Uccello nella regione di Bintuni e il meoswar parlato su un'isola montuosa a sud-est. L'ex [[lingua franca]] regionale, il biak, è parlata nell'area di Manokwari. Esistono anche varianti orientali dell'[[Lingua malese|indonesiano]] (in [[Lingua inglese|inglese]] ''Papuan Malay''), attualmente parlate in tutti gli insediamenti e nelle città più grandi, così come altre lingue regionali introdotte da migranti provenienti da diverse regioni della [[Nuova Guinea Occidentale|Nuova Guinea occidentale]].
 
Le lingue papuasiche parlate nella penisola del Vogelkop possono essere riassunte sotto il termine [[Lingue di Papua occidentale|lingue papuasiche occidentali]], che non indica alcuna relazione genetica tra esse, ma serve piuttosto come termine collettivo per indicare una specifica area linguistica (all'interno della quale vengono incluse di solito anche le [[Molucche]] con [[Halmahera]] e il gruppo di lingue timor-alor-pantar)<ref name="West Papuan Languages">{{cita libro | autore=Ger Reesink | capitolo=West Papuan languages: roots and development | curatore=Andrew Pawley | titolo=Papuan pasts: cultural, linguistic and biological histories of Papuan-speaking peoples | editore=Pacific Linguistics | città=Canberra | anno=2005 | isbn=0-85883-562-2 | pp=186-187}}</ref>. La classificazione filogenetica delle lingue papuasiche non è stata ancora chiarita in modo definitivo. Generalmente, in base alle ricerche di Wurm, McElhanon e Voorhoeve<ref>{{cita libro | autore=C. L. Voorhoeve | capitolo=Central and Western Trans-New Guinea Phylum Languages | curatore=S. A. Wurm | titolo=Papuan Languages and the New Guinea Linguistic Scene | editore=Pacific Linguistics | città=Canberra | anno=1977 | isbn=0-85883-132-5}}</ref>, le lingue del Vogelkop meridionale, parlate nella parte sud-occidentale della penisola, vengono attribuite al gruppo delle [[lingue trans-Nuova Guinea]], di gran lunga la più grande famiglia linguistica non austronesiana della Nuova Guinea. Altre famiglie linguistiche postulate sono le lingue del Vogelkop occidentale a ovest, le lingue del Vogelkop orientale, come il meyah e il sougb e la famiglia hatam-mansim a est, e alcune lingue non classificabili come il maybrat, l'abun e lo mpur nell'interno della penisola<ref name="West Papuan Languages"/>.
 
== Note ==
<references/>
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto}}
 
== Collegamenti esterni ==
{{cita web | url=https://www.hydrocarbons-technology.com/projects/tangguh/ | titolo=Tangguh LNG Project, Bintuni Bay, West Papua | sito=Hydrocarbons Technology}}
 
{{Controllo di autorità}}
 
[[Categoria:Geografia dell'Indonesia]]
[[Categoria:Penisole dell'AsiaOceania]]