Differenze tra le versioni di "Nebivololo"

+nell'incipit dei farmaci si precisa la classe di appartenenza.
m (recupero categoria)
(+nell'incipit dei farmaci si precisa la classe di appartenenza.)
|logPow = 4.183
}}
Il '''Nebivololo''' è un [[principio attivo]] [[Farmaco|farmacologico]] della classe [[betabloccanti]] usato per il trattamento dell'[[Ipertensione arteriosa|ipertensione]] e in casi di [[insufficienza cardiaca]].<ref name=":0">{{Cita web|url=https://go.drugbank.com/drugs/DB04861|titolo=Nebivolol|sito=go.drugbank.com|accesso=2021-05-17}}</ref>
 
==Indicazioni==
 
== Farmacocinetica ==
Il nebivololo è un antagonista beta-1 adrenergico selettivo con debole [[Antagonista del recettore per l'angiotensina II|attività antagonista]] del recettore beta-2 adrenergico. Inibendo lattivitàl'attività dei recettori beta-1 adrenergici grazie al d-nebivololo si verifica una diminuzione della [[frequenza cardiaca]] sia in condizioni di riposo sia di esercizio fisico, riduce la [[contrattilità miocardica]] e la pressione [[Sistole|sistolica]] e [[Diastole|diastolica]]. La selettività recettoriale del d-nebivololo limita l'entità degli effetti collaterali sulle vie aeree o sulla [[Insulina|sensibilità insulinica]].<ref name=":0" />
 
Nebivololo, inoltre, inibisce il rilascio dell'ormone mineralcorticoide [[aldosterone]] mediante l'antagonismo ai beta-1-adrenergici dell'[[apparato iuxtaglomerulare]] e la conseguente inibizione del rilascio di [[renina]]. La riduzione dell'aldosterone porta a diminuzione del [[Volemia|volume sanguigno]] mentre una diminuita presenza di renina causa minore [[vasocostrizione]]. L-nebivololo è responsabile dell'attività [[Agonisti dei recettori adrenergici|agonista]] al recettore beta-3 adrenergico il quale stimola la sintesi di acido nitrico endoteliale, aumentando i livelli dello stesso; ciò porta a [[vasodilatazione]], diminuita [[Resistenza vascolare|resistenza vascolare periferica]], aumentata [[frazione di eiezione]] e [[gittata cardiaca]]. La vasodilatazione, il minor stress ossidativo e una diminuita aggregazione piastrinica indotte dal nebivololo possono portare a benefici in pazienti con insufficienza cardiaca.<ref name=":0" />
27 021

contributi