Differenze tra le versioni di "Utente:YouKnow23/Sandbox3"

m
nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 120294377 di YouKnow23 (discussione))
Etichetta: Annulla
m
{{Fonti}}{{aiutopolicy}}{{abbreviazioni|WP:EVASIVO}}
==Valore==
L''''evasività''' è la caratteristica di un testo che non si basa adeguatamente su [[Wikipedia:cita le fonti|fonti terze]] e sovente utilizza parole o locuzioni generiche che introducono un [[Wikipedia:Punto di vista neutrale|punto di vista non oggettivo]]. Tali espressioni pretendono di dare autorevolezza a un'opinione senza permettere al lettore di rintracciare la fonte o di decidere se la fonte dell'opinione è affidabile o meno.
{| cellspacing="0" cellpadding="0" style="{{float right}}"
 
|+ Buying power of one U.S. dollar compared to 1775 [[Continental Currency|Continental currency]]
==Il concetto==
|- valign="top"
Un esempio di affermazione palesemente abnorme può essere:
|
 
{| class="wikitable" style="margin:0;"
*"[[Roma]] è la città più famosa del mondo."
 
Questo invece è un tentativo malcelato di dare un apparente [[Aiuto:Punto di vista neutrale|punto di vista neutrale]]:
 
*"''Alcuni ritengono che'' Roma sia la città più famosa del mondo."
 
Il secondo esempio almeno non riporta più l'opinione come un fatto, ma la frase rimane evasiva e non neutrale poiché priva di informazioni utili per verificarla e attribuirla a qualcuno. Chi lo afferma? Perché? Manca al lettore la possibilità di verificare le fonti e lo induce a formarsi un'opinione di parte. Una forma come quella che segue è invece più adeguata:
 
*"[[Plutarco]], nel suo ''Vita di Augusto'', affermò che Roma ai suoi tempi era la città più celebre al mondo."
 
Ma l'opportunità di inserire una frase del genere non è comunque automatica. Quanti la pensavano così? Che punto di vista avevano? Perché è rilevante riportare questa affermazione e usare quell'aggettivo? Non si rischia di sbilanciare la voce su un [[WP:NPOV|punto di vista non neutrale]]?
 
Perciò, l'aggiunta di un testo o di una opinione (di solito accompagnata da aggettivi) deve essere ben valutata, rilevante ai fini dell'argomento trattato, chiara e non generica, riportare il suo autore, non sbilanciare la [[WP:NPOV|neutralità]] del testo ed essere possibilmente accompagnata con altre opinioni, piuttosto che essere indicata come un fatto o attribuita a una fonte vaga e non verificabile ("studi affermano che", "alcuni sostengono"...).
 
Va quindi evitato l'uso di forme come ''"c'è chi dice"'', che hanno il preciso intento di evitare un'attribuzione proprio come la [[diatesi passiva|costruzione passiva]] senza [[complemento di agente|complemento d'agente]], spargendo "sentito dire" senza fornire [[Wikipedia:Attendibilità di Wikipedia|informazioni attendibili]]. Anche l'abuso di aggettivi generici (di solito anche [[Wikipedia:Contenuti promozionali o celebrativi|celebrativi]]) rientra nell'evasività, sconfinando nell'[[agiografia]]: parlare di "vari riconoscimenti", di "importanti eventi" o di "noti personaggi" è un modo inadatto di attribuire rilevanza a qualcosa senza scendere nel merito. Quali riconoscimenti? Quanti sono? Chi dice che sono importanti? Perché sono reputati tali? Con ogni probabilità, '''se un elemento è davvero rilevante basta indicare il suo nome e il relativo [[WP:WL|wikilink]], senza abusare di aggettivi'''.
 
Le affermazioni evasive mancano di verificabilità e del necessario [[Aiuto:Punto di vista neutrale|punto di vista neutrale]], che si raggiunge piuttosto dando adeguata proporzione ai testi e [[Wikipedia:cita le fonti|citando le fonti]]. In assenza di ciò, in base alle [[Wikipedia:Linee guida sull'uso delle fonti|linee guida sull'uso delle fonti]], le affermazioni presenti dovrebbero essere rimosse.
 
== Esempi ==
Ecco alcuni termini evasivi che si dovrebbero evitare, in particolare quando non si indica una precisa fonte letterale e [[WP:FA|attendibile]] che li ha usati:
 
{| class="wikitable"
|-
! style="width: 80%;" | Termine/locuzione da evitare
! Year 
!! style="width: 40pt; font-size: 9520%;" | Equivalent  buyingRispondere piuttosto powera
|-
|"Molti", "vari", "svariati", "la maggioranza", "alcuni", "parecchi", "numerosi", "decine", "centinaia" [scrittori, premi, avvenimenti...]
|1775|| $1.00
|Quanti? Quali? Chi/cosa?
|-
|"Importanti", "noti", "famosi", "celebri", "autorevoli", "grandiosi", "bellissimi", "eccellenti", "memorabili"
|1780|| $0.59
|Quali? Chi dice che lo siano?
|-
|"Esperti/studiosi/critici/molti/alcuni affermano/dicono/pensano/ritengono che...", "secondo la critica...", "è stato detto/suggerito/notato che...", "c'è chi dice/direbbe...", "alcuni storici ne deducono...", "si pensa/crede/reputa/valuta/giudica/stima/suppone/ritiene/dice..."
|1790|| $0.89
|Chi? Quando? Dove? Perché?
|-
|"Secondo un sondaggio/un'inchiesta/alcuni studi...", "i sondaggi dimostrano che..."
|1800|| $0.64
|Quali? Quando?
|-
|"È ampiamente/largamente/universalmente considerato come..."
|1810|| $0.66
|Da chi? Quando? Dove?
|-
|"...è forse uno dei maggiori/migliori/peggiori/più importanti/noti..."
|1820|| $0.69
|Perché? Chi lo dice?
|-
|1830|| $0.88
|-
|1840|| $0.94
|-
|1850|| $1.03
|-
|1860|| $0.97
|}
|
{| class="wikitable" style="margin:0;"
|-
! Year 
!style="width: 40pt; font-size: 95%;"| Equivalent  buying power
|-
|1870|| $0.62
|-
|1880|| $0.79
|-
|1890|| $0.89
|-
|1900|| $0.96
|-
|1910|| $0.85
|-
|1920|| $0.39
|-
|1930|| $0.47
|-
|1940|| $0.56
|-
|1950|| $0.33
|-
|1960|| $0.26
|}
|
{| class="wikitable" style="margin:0;"
|-
! Year 
!style="width: 40pt; font-size: 95%;"| Equivalent  buying power
|-
|1970|| $0.20
|-
|1980|| $0.10
|-
|1990|| $0.06
|-
|2000|| $0.05
|-
|2007|| $0.04
|-
|2008|| $0.04
|-
|2009|| $0.04
|-
|2010|| $0.035
|-
|2011|| $0.034
|-
|2012|| $0.03
|}
|}
 
Il sesto paragrafo della sezione 8 dell'articolo 1 della Costituzione degli Stati Uniti prevede che il Congresso degli Stati Uniti abbia il potere di "coniare moneta" e di "regolare il valore" delle monete nazionali ed estere. Il Congresso esercitò questi poteri quando emanò il Coinage Act del 1792. Tale legge prevedeva il conio del primo dollaro USA e dichiarava che il dollaro USA avrebbe "il valore di un dollaro macinato spagnolo come lo stesso è attualmente in vigore". [ 75]
 
La tabella sopra mostra la quantità equivalente di beni che, in un determinato anno, potrebbero essere acquistati con $ 1. La tabella mostra che dal 1774 al 2012 il dollaro USA ha perso circa il 97,0% del suo potere d'acquisto. [76]
 
Il calo del valore del dollaro USA corrisponde all'inflazione dei prezzi, che è un aumento del livello generale dei prezzi di beni e servizi in un'economia per un periodo di tempo. [77] Un indice dei prezzi al consumo (CPI) è una misura che stima il prezzo medio dei beni di consumo e dei servizi acquistati dalle famiglie. L'Indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti, pubblicato dal Bureau of Labor Statistics, è una misura che stima il prezzo medio dei beni di consumo e dei servizi negli Stati Uniti. [78] Riflette l'inflazione vissuta dai consumatori nelle loro spese quotidiane. [79] A destra è mostrato un grafico che mostra l'IPC degli Stati Uniti relativo al periodo 1982-1984 e la variazione annuale anno su anno dell'IPC.
 
==Eccezioni==
Il valore del dollaro USA è diminuito in modo significativo durante la guerra, specialmente durante la guerra civile americana, la prima e la seconda guerra mondiale. [80] La Federal Reserve, che è stata istituita nel 1913, è stata progettata per fornire una valuta "elastica" soggetta a "sostanziali cambiamenti di quantità in brevi periodi", che differivano significativamente dalle precedenti forme di moneta ad alta potenza come l'oro, le banconote nazionali, e monete d'argento. [81] Nel lunghissimo periodo, il precedente gold standard mantenne i prezzi stabili: ad esempio, il livello dei prezzi e il valore del dollaro USA nel 1914 non erano molto diversi dal livello dei prezzi negli anni ottanta dell'Ottocento. La Federal Reserve è riuscita inizialmente a mantenere il valore del dollaro USA e la stabilità dei prezzi, invertendo l'inflazione causata dalla prima guerra mondiale e stabilizzando il valore del dollaro durante gli anni '20, prima di presiedere a una deflazione del 30% nei prezzi statunitensi negli anni '30 . [82]
Come ogni regola generale, queste linee guida vanno bilanciate con altre necessità editoriali, particolarmente con il bisogno di brevità e chiarezza. Alcune eccezioni specifiche che possono presentarsi:
 
*Quando l'opinione generica è l'informazione in sé. Per esempio, ''"Nel [[Medioevo]] la maggior parte della gente credeva che il sole orbitasse attorno alla terra."''
Sotto il sistema di Bretton Woods stabilito dopo la seconda guerra mondiale, il valore dell'oro era fissato a $ 35 per oncia, e il valore del dollaro USA era quindi ancorato al valore dell'oro. L'aumento della spesa pubblica negli anni '60, tuttavia, portò a dubbi sulla capacità degli Stati Uniti di mantenere questa convertibilità, le azioni auree diminuirono quando le banche e gli investitori internazionali iniziarono a convertire i dollari in oro, e di conseguenza il valore del dollaro iniziò a declino. Di fronte a una crisi valutaria emergente e al pericolo imminente che gli Stati Uniti non sarebbero più stati in grado di riscattare dollari in oro, la convertibilità dell'oro fu definitivamente interrotta nel 1971 dal presidente Nixon, provocando lo "shock Nixon". [83]
*Quando i sostenitori dell'opinione sono troppo diversificati o numerosi per essere specificati. Per esempio: ''"Alcuni animali preferiscono l'oscurità alla luce."'' (anche se la preferenza è discutibile, poca informazione concreta è trasmessa).
 
Notare che in questi casi i termini vaghi non sono definibili come ''"evasivi"'', pur restando naturalmente necessaria l'attribuzione della frase a una [[WP:FA|fonte attendibile]]. Per evitare [[Wikipedia:niente attacchi personali|attacchi personali]], quindi, l'accusa di evasività non deve essere mossa contro wikipediani che usano parole come ''"alcuni"'' nei modi sopra citati.
Il valore del dollaro USA non era quindi più ancorato all'oro e spettava alla Federal Reserve mantenere il valore della valuta statunitense. La Federal Reserve, tuttavia, ha continuato ad aumentare l'offerta di moneta, con conseguente stagflazione e un rapido calo del valore del dollaro USA negli anni '70. Ciò era in gran parte dovuto alla visione economica prevalente al momento in cui l'inflazione e la crescita economica reale erano collegate (la curva di Phillips), e quindi l'inflazione era considerata relativamente benigna. [83] Tra il 1965 e il 1981, il dollaro USA ha perso due terzi del suo valore. [76]
 
==Pagine correlate==
Nel 1979, il presidente Carter nominò Paul Volcker presidente della Federal Reserve. La Federal Reserve ha irrigidito l'offerta di moneta e l'inflazione è stata sostanzialmente inferiore negli anni '80, e quindi il valore del dollaro USA si è stabilizzato. [83]
*[[Wikipedia:Attendibilità]]
*[[Wikipedia:Cita le fonti]]
*[[Wikipedia:Verificabilità]]
 
[[Categoria:Convenzioni di stile di Wikipedia]]
Nel trentennio 1981-2009, il dollaro USA ha perso più della metà del suo valore. [76] Questo perché la Federal Reserve ha mirato non a zero inflazione, ma a un tasso di inflazione basso e stabile: tra il 1987 e il 1997, il tasso di inflazione è stato di circa il 3,5% e tra il 1997 e il 2007 è stato di circa il 2%. La cosiddetta "Grande moderazione" delle condizioni economiche a partire dagli anni '70 è attribuita alla politica monetaria mirata alla stabilità dei prezzi. [84]
[[Categoria:Linee guida sulle fonti]]
 
[[en:Wikipedia:Manual of Style/Words to watch#Unsupported attributions]]
È in corso un dibattito sul fatto che le banche centrali debbano mirare a un'inflazione zero (che significherebbe un valore costante per il dollaro USA nel tempo) o un'inflazione bassa e stabile (che significherebbe un valore del dollaro in continua ma lenta diminuzione nel tempo, così come lo è il caso ora). Sebbene alcuni economisti siano a favore di una politica di inflazione zero e quindi di un valore costante per il dollaro USA, [82] altri sostengono che tale politica limiti la capacità della banca centrale di controllare i tassi di interesse e stimolare l'economia quando necessario. [85 ]
741

contributi