Differenze tra le versioni di "Canis lupus familiaris"

m
Annullate le modifiche di 80.117.48.109 (discussione), riportata alla versione precedente di Gianmariloppio Amigdala 16
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Annullato
m (Annullate le modifiche di 80.117.48.109 (discussione), riportata alla versione precedente di Gianmariloppio Amigdala 16)
Etichetta: Rollback
<!-- CLASSIFICAZIONE: -->
|dominio=[[Eukaryota]]
|regno=[[cagoingironiaAnimalia]]
|sottoregno=[[Eumetazoa]]
|superphylum=[[ChefighiicaniAWWWWWDeuterostomia]]
|phylum=[[Chordata]]
|subphylum=[[Vertebrata]]
|tribù=
|sottotribù=
|genere=[[bellavitonisCanis]]
|sottogenere=
|specie=[[Canis lupus|C. lupus]]
 
Si tratta di un [[Caninae|canino]] dalla taglia piccola a grande con una plasticità fenotipica molto variabile. Il mantello può essere corto o lungo, ispido o morbido, liscio o riccio, con una borra (sottopelo) di cui molte razze fanno la muta. Il colore varia a seconda della discendenza, i quali possono essere di tanti colori, come dal bianco al nero, dal rosso al marrone e via di scorrendo e talvolta ritenendo una forma di [[controilluminazione]] ancestrale, con una superficie superiore scura ed inferiore chiara. La testa può essere [[Brachicefalia|brachicefala]], [[Mesaticefalia|mesaticefala]] o [[Dolicocefalia|doligocefala]]. La coda varia in forma e lunghezza, essendo persino assente in certe razze. Alcune razze dispongono d'un quinto dito vestigiale sugli arti posteriori, che serve per facilitare la camminata o arrampicarsi in muri o mura di rocce.<ref name="castello">{{en}}J. R. Castelló, ''Canids of the World'', Princeton, 2018, p. 112, ISBN 978-0-691-17685-7</ref>
 
==Origini==
La domesticazione da parte dell'[[Homo sapiens|uomo]] ha origini antichissime.