Differenze tra le versioni di "Jeanne Baptiste d'Albert de Luynes"

nessun oggetto della modifica
Figlia di [[Louis Charles d'Albert de Luynes|Louis Charles d'Albert]], [[duca di Luynes]] (1620–1690) e della sua seconda moglie, la principessa Anne de Rohan-Montbazon (1644–1684), ebbe cinque fratelli. Sua nonna paterna era [[Marie de Rohan]], il suo fratellastro maggiore era [[Charles Honoré d'Albert de Luynes]], consigliere privato di [[Luigi XIV di Francia]] e costruttore del famigerato [[castello di Dampierre]]. Nata all'[[Hôtel de Chevreuse|Hôtel de Luynes]] di Parigi, fu battezzata nella [[Chiesa di Saint-Eustache|chiesa di Sant'Eustachio]] e chiamata in onore del suo padrino [[Jean-Baptiste Colbert]].
 
Dopo una formazione presso la prestigiosa [[abbazia di Port-Royal]] a Parigi, fu data in moglie a JosephGiuseppe IgnaceIgnazio Scaglia,<ref>Il nome completo di suo marito era Augusto Manfredo Giuseppe Ieronimo Ignazio Scaglia, Conte di Verrua</ref> conte di Verrua<ref>''Verrue'' in Francia</ref> tra il 23 agosto e il 25 agosto 1683. Aveva appena tredici anni e mezzo all'epoca delle sue nozze. Suo marito era un colonnello dei dragoni e un importante diplomatico piemontese che lavorava per il duca di Savoia [[Vittorio Amedeo II di Savoia|Vittorio Amedeo II]].
 
Suo marito era "giovane, bello, ricco e onesto". La madre di lui era una [[dama di compagnia]] della [[Consorti dei sovrani di Savoia|duchessa di Savoia]], nata francese, [[Anna Maria d'Orléans]]. Jeanne Baptiste e suo marito ebbero in tutto quattro figli.
 
A [[Torino]], capitale sabauda, il duca di Savoia si infatuò della giovane contessa e dal 1688 ne era profondamente innamorato. La contessa, piamente educata, in un primo momento, ignorò le avances del duca che l'avrebbe vista al servizio di sua moglie. In seguito, la duchessa e suo zio, il [[Luigi XIV di Francia|re di Francia]], "incoraggiarono" madame de Verrue ad approfittare delle avances del duca di Savoia. Nel 1689, Jeanne Baptiste cedette agli approcci del duca. Gli amanti diventarono genitori di due figli: la futura [[Vittoria Francesca di Savoia|principessa di Carignano]]<ref name="Storrs196">Christopher Storrs, ''War, Diplomacy and the Rise of Savoy, 1690–1720'', (Cambridge University Press, 2004), 196.</ref> nacque nel 1690, mentre [[Vittorio Francesco, marchese di Susa|Vittorio Francesco]], nacque nel 1694 e successivamente gli fu conferito il titolo di [[marchese di Susa]]<ref name="Storrs196" />.
 
La donna più invidiata alla corte sabauda a causa della sua influenza sul duca, Jeanne Baptiste cercò di dilettarsi in politica. Con l'aiuto del [[René de Froulay de Tessé|maresciallo di Tessé]], incoraggiò il matrimonio della figlia maggiore del duca, la [[Maria Adelaide di Savoia|principessa Maria Adelaide]], con il nipote di Luigi XIV, il [[Luigi di Borbone-Francia (1682-1712)|duca di Borgogna]].