Differenze tra le versioni di "Charles Baudelaire"

m
Non esistono né una "letteratura poetica e filosofica", né una "filosofica" chiamate "modernismo". Sostituire "filosofica" con "filosofia", in questo contesto, è l'unico modo per dare un senso alla frase.
m
m (Non esistono né una "letteratura poetica e filosofica", né una "filosofica" chiamate "modernismo". Sostituire "filosofica" con "filosofia", in questo contesto, è l'unico modo per dare un senso alla frase.)
È considerato uno dei più importanti poeti del [[XIX secolo]], esponente chiave del [[simbolismo]], affiliato del [[parnassianesimo]] e grande innovatore del [[Poesia lirica|genere lirico]], nonché anticipatore del [[decadentismo]]. ''[[I fiori del male]]'', la sua opera maggiore, è considerata uno dei classici della [[letteratura francese]] e mondiale.<ref name=jean/>
 
Il pensiero, la produzione e la vita di Baudelaire hanno influenzato molti autori successivi (primi fra tutti i "[[poeti maledetti]]" come [[Paul Verlaine|Verlaine]], [[Stéphane Mallarmé|Mallarmé]] e [[Arthur Rimbaud|Rimbaud]], ma anche gli [[scapigliatura|scapigliati]] [[italia]]ni come [[Emilio Praga]], o [[Marcel Proust]], [[Edmund Wilson]], [[Dino Campana]], nonché, in particolar modo, [[Paul Valéry]]), appartenenti anche a correnti letterarie e vissuti in periodi storici differenti, ed è considerato ancor oggi non solo come uno dei precursori della letteratura decadente, ma anche di quella poetica e filosoficafilosofia nei confronti della [[società (sociologia)|società]], dell'[[arte]], dell'essenza dei rapporti tra esseri umani, dell'[[Emozione|emotività]], dell'[[amore]] e della [[vita]] che lui stesso aveva definito come "[[Modernità|modernismo]]".<ref name=jean/>
 
== Biografia ==