Partito Nazional Bolscevico: differenze tra le versioni

→‎Storia: Bandiera più rappresentativa
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Storia: Bandiera più rappresentativa)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
Limonov ammira [[Iosif Stalin|Stalin]], [[Michail Bakunin|Bakunin]], [[Julius Evola]] e [[Yukio Mishima]], come si può leggere nelle sue opere. Ha avuto [[Alain de Benoist]], ideologo della [[Nuova Destra]], tra i suoi alleati politici. Secondo la descrizione datane da [[Emmanuel Carrère]], i suoi miti spaziano fino a [[Benito Mussolini]], alla [[Banda Baader-Meinhof]] e ai [[Mistica|mistici]] [[Filosofie orientali|orientali]], e da [[Lenin]] ai [[Sex Pistols]].<ref>https://www.socionauki.ru/journal/articles/126841/</ref>
{{Doppia immagine verticale|left|Flag_of_Germany_(1935–1945).svg|Flag of the Communist Party of VietnamHammer&SickleFlag02.svg|130px|Confronto tra le due bandiere che hanno originato quella nazionalbolscevica: sopra [[Bandiere della Germania nazista|bandiera della Germania nazista]] con [[svastica]] e sotto la bandiera del comunismo con [[falce e martello]]}}
Il NBP aderì subito al [[Fronte di Salvezza Nazionale (Russia)|Fronte di Salvezza Nazionale]], che riuniva comunisti e nazionalisti nell'opposizione contro [[Boris Nikolaevič El'cin|Boris El'cin]]. Ben presto, però, il NBP fu costretto ad uscirne per dissapori con [[Vladimir Žirinovskij]]. Duri contrasti sorsero anche all'interno del NBP stesso, cosa che causò l'addio del suo ideologo Aleksandr Dugin. Oggi Limonov bolla Dugin di "tradimento", mentre Dugin accusa Limonov di avere depravato il [[Nazionalbolscevismo|nazional-bolscevismo]], vendendo sé stesso e il partito ai nemici della Russia (in particolare agli [[Stati Uniti d'America]]).
 
512

contributi