Differenze tra le versioni di "Università degli Studi della Tuscia"

Etichetta: Ripristino manuale
 
=== Lo sviluppo dell'ateneo e il rettorato di Marco Mancini (1999-2013) ===
Dopo Gian Tommaso Scarascia Mugnozza, fondatore e costruttore dell’Università, nelle elezioni del 1999, fu Marco Mancini a raccogliere la maggioranza dei consensi in Ateneo, il quale resterà in carica fino all’anno accademico 2012-2013, quando gli succederà Alessandro Ruggieri. L’azione programmatica del rettorato Mancini poneva particolare riguardo all'ampliamento della didattica e degli spazi ad essa necessari: la creazione di una nuova offerta formativa per l’area giuridico-politica, l’apertura di due nuove sedi a [[Civitavecchia]] e [[Rieti]], nonché l'istituzione di centri didatticidi eccellenza<ref>{{Cita web|url=https://www.miur.gov.it/dipartimenti-di-eccellenza|titolo=Dipartimenti di eccellenza - Università}}</ref>. In tal senso fu avviato un progetto di recupero di alcuni edifici storici della città di Viterbo, tra cui l’ex carcere di S. Maria in Gradi in cui, nel 2002, fu trasferita la sede del rettorato precedentemente ospitato presso il convento della SS. Trinità in via S. Giovanni Decollato. Prefigurando la realizzazione di due poli complementari, umanistico e scientifico-sperimentale, gli spazi del campus Riello furono interamente allocati alle facoltà di agraria e scienze a seguito del trasferimento della facoltà di lingue e letterature straniere moderne nel complesso di S. Maria in Gradi.
 
Nel 2010 l’università fu la prima ad attuare le disposizioni previste dal Decreto Legislativo Gelmini, che prevedeva il passaggio delle competenze dalle Facoltà ai Dipartimenti. In conseguenza di ciò furono istituiti quattro nuovi Dipartimenti facenti riferimento alle Facoltà di Lingue, Economia, Scienze Politiche e Beni Culturali, seguiti poi da altre tre nuove strutture dipartimentali derivanti dalla Facoltà di Agraria e Scienze. Al 31 ottobre 2011 le sei facoltà dell’Ateneo cessarono definitivamente le loro attività, trasferendo le proprie funzioni didattiche e di ricerca ai Dipartimenti neo-costituiti<ref>{{Cita libro|autore=M. Ridolfi|titolo=1999-2012: lo sviluppo dell’Ateneo e il Rettorato di Marco Mancini, in Per una storia dell’Università della Tuscia, 2012, pp. 69-93.}}</ref>.
 
== Struttura ==