Differenze tra le versioni di "Treno FS ETR.500"

nessun oggetto della modifica
(Fix)
La decisione di elettrificare in [[corrente alternata]] a {{Val|2|xo|25|ul=kV}} le future linee ad [[Alta velocità ferroviaria|alta velocità]] determinò l'ordinazione, effettuata nel [[1996]], di un secondo lotto di trenta treni AV comprendenti sessanta locomotive E.404 politensione a {{Val|3|ul=kV}} [[Corrente continua|CC]], {{Val|1,5|u=kV}} CC e {{Val|25|u=kV}} [[Corrente alternata|CA]] le quali costituirono la serie E.404-500.
 
Al fine di consentire anche ai trenta convogli [[Alta velocità ferroviaria|AV]] ordinati nel 1992 l'operatività sulle nuove linee a 25 kV CA, nel [[2002]] sono state ordinate ulteriori sessanta locomotive E.404 politensione, serie E.404-600, destinate a sostituire le locomotive E.404 di prima serie, che erano monotensione e quindi impossibilitate a circolare su tali linee. Allo scopo di evitare l'accantonamento e quindi la demolizione delle locomotive E.404-100, ancora moderne e potenti con solo pochi anni di vita operativa, è stata presa la decisione di operare su di esse un insieme di contenute modifiche; le operazioni principali sono state l'abbassamento della trave di testata e la revisione generale della testata piana, per renderla compatibile con le carrozze con cui è impiegata, e l'abbassamento della velocità massima da {{M|250|ul=kmh}} a 200, per poter consentire l'uso con le carrozze UIC-Z, Eurofima e Gran Comfort, omologate per un massimo di, appunto, 200 km/h. Si ottennero quindi delle locomotive da utilizzare per servizi viaggiatori già di pregio a velocità fino a 200 km/h alla testa di carrozze viaggiatori di tipo classico. Queste locomotive così modificate hanno assunto la denominazione [[Locomotiva FS E.414|E.414]], impiegate sulla maggior parte dei treni classificati come [[Eurostar City Italia]], poi [[Frecciabianca]] e, dal [[2019]], per alcuni convogli [[Intercity|Intercity Giorno]].
 
Nel dicembre [[2004]] venne consegnata la prima locomotiva E.404 serie 600<ref>"Notizia flash" su "I Treni" n. 267 (febbraio 2005), p. 5</ref>.
Utente anonimo