Differenze tra le versioni di "Utente:Ghinozzi-nissim/Sandbox"

== I bambini di Kovno ==
 
Tra gli uomini destinati a Dachau in seguito alla liquidazione del ghetto c'erano anche 130 ragazzi adolescenti tra gli 8 i 16 anni (i bambini più piccoli erano stati lasciati con le donne a Stutthof). Giudicati inadatti per il lavoro forzato, giunti a Landsberg essi furono separati dagli adulti e mandati a morire ad Auschwitz. Nei giorni in cui essi rimasero a Landsberg ad essi si unì di nascosto il diciassettenne Wolf Galperin cui il padre aveva chiesto di non lasciar solo il fratello minore Shlomo che era stato selezionato a far parte del gruppo. Maggiore d'età e dotato di forte carisma, Wolf divenne il capo riconosciuto del gruppo.
 
IOrmai separati dagli adulti, i 131 ragazzi sonogiunsero statida inviatiLandsberg a Dachau. Furono sistemati in una grande capannabaracca di legno pulita e fecero una doccia. La sosta a Dachau, tuttavia, era intesa solo come una tappa del viaggio in treno da Landsberg a Birkenau. Durante l'intero viaggio i bambiniragazzi, sigià sonouniti consolidatidagli inanni trascorsi assieme nel [[ghetto di Kovno]], si consolidarono uncome gruppo ordinato, sotto la guida di Wolf Galperin.
dal fratello maggiore di Shlomo Galperin, il diciassettenne Wolf Galperin, che è riuscito a entrare di nascosto nel gruppo. Divenne il loro capo.
 
DopoTrascorsi 10 giorni a Dachau, il gruppo partì per Auschwitz. Due ragazzi sonoriuscirono fuggitia fuggire dal trasporto; gettandosi dal treno in corsa: uno di loro, Danielfu Inbarucciso dalle guardie, èma riuscitol'altro, aDaniel Inbar, sopravviveresopravviverà sotto falsa identità come un bambino di strada fino alla liberazione; l'altro è stato apparentemente ucciso.
I 131 ragazzi sono stati inviati a Dachau. Furono sistemati in una grande capanna di legno pulita e fecero una doccia. Dachau, tuttavia, era solo una tappa del viaggio in treno da Landsberg a Birkenau. Durante l'intero viaggio i bambini si sono consolidati in un gruppo ordinato, sotto la guida di Wolf Galperin.
 
Furono quindi 129 i ragazzi del gruppo che arrivarono ad Auschwitz nella notte tra il 31 luglio e il 1 agosto 1944. Presentandosi come un gruppo di lavoro organizzato, superarono collettivamente la selezione. Non furono immediatamente inviati alle camere a gas, ma avevano un numero tatuato sulle braccia con numeri sequenziali da B-2774 a B-2902. Poi furono portati al Lager [campo] A, il campo di transito a Birkenau. Erano usati come "cavalli umani" attaccati a carri che trasportavano oggetti da un luogo all'altro. I bambini hanno formato un gruppo coeso e si sono dati reciprocamente sostegno vitale.
Dopo 10 giorni a Dachau, il gruppo partì per Auschwitz. Due ragazzi sono fuggiti dal trasporto; uno di loro, Daniel Inbar, è riuscito a sopravvivere sotto falsa identità come un bambino di strada fino alla liberazione; l'altro è stato apparentemente ucciso.
 
129 ragazzi arrivarono ad Auschwitz nella notte tra il 31 luglio e il 1 agosto 1944. Presentandosi come un gruppo organizzato, superarono la selezione. Non furono immediatamente inviati alle camere a gas, ma avevano un numero tatuato sulle braccia con numeri sequenziali da B-2774 a B-2902. Poi furono portati al Lager [campo] A, il campo di transito a Birkenau. Erano usati come "cavalli umani" attaccati a carri che trasportavano oggetti da un luogo all'altro. I bambini hanno formato un gruppo coeso e si sono dati reciprocamente sostegno vitale.
 
Due selezioni principali ridussero progressivamente il loro numero nel settembre 1944, una alla vigilia di Rosh Hashanah e la seconda a Yom Kippur. Circa 70-80 membri del gruppo originale sono stati inviati alle camere a gas. I ragazzi sopravvissuti furono mandati ai lavori forzati nel Lager D, un'altra sezione di Birkenau. Almeno un ragazzo (Kalman Arieli) che non era stato originariamente selezionato come parte dei 131 ragazzi si è unito a loro da Dachau.